Principi fondamentali dell'assistenza infermieristica

Principi
fondamentali
dell’assistenza
infermieristica
L’arte e la scienza dell’assistenza
infermieristica centrate sui
bisogni della persona
Edizione italiana sulla ottava in lingua inglese

Carol Taylor, PhD, MSN, RN
Professor of Nursing
Georgetown University School of Nursing and Health Studies
Washington, DC

Carol Lillis, MSN, RN
Faculty Emerita
Delaware County Community College
Media, Pennsylvania

Pamela Lynn, MSN, RN
Instructor
Gwynedd Mercy University
Frances M. Maguire School of Nursing and Health Professions
Gwynedd Valley, Pennsylvania

Priscilla LeMone, DSN, RN, FAAN
Associate Professor Emerita
University of Missouri Sinclair School of Nursing
Columbia, Missouri
Adjunct Associate Professor
The Ohio State University College of Nursing
Columbus, Ohio
Titolo originale
                                                  FUNDAMENTALS OF NURSING
                                        The Art and Science of Person-Centered Nursing Care
                                                              8th edition
                                              by Carol Taylor, Carol Lillis, Pamela Lynn
                                                  Copyright © 2015 Wolters Kluwer
                  Published by arrangement with Lippincott Williams & Wilkins/Wolters Kluwer Health Inc., USA
                               Wolters Kluwer Health did not participate in the translation of this title
                   and therefore it does not take any responsibility for any inaccuracy or errors of this translation.



                                                       Traduzione a cura di
                                                 Calogero Trapani, Elena Trapani
                                        Immagine di copertina: ©Photographee.eu-Fotolia.com

                                     Opera coperta dal diritto d’autore – tutti i diritti sono riservati.
 Questo testo contiene materiale, testi ed immagini, coperto da copyright e non può essere copiato, riprodotto, distribuito, trasferito,
     noleggiato, licenziato o trasmesso in pubblico, venduto, prestato a terzi, in tutto o in parte, o utilizzato in alcun altro modo o
altrimenti diffuso, se non previa espressa autorizzazione dell’editore. Qualsiasi distribuzione o fruizione non autorizzata del presente
  testo, così come l’alterazione delle informazioni elettroniche, costituisce una violazione dei diritti dell’editore e dell’autore e sarà
                        sanzionata civilmente e penalmente secondo quanto previsto dalla L. 633/1941 e ss.mm.




                                                             AVVERTENZA
         Indicazioni accurate, effetti indesiderati e dosaggi per i farmaci sono indicati nel libro, ma è possibile che cambino.
  Il lettore deve esaminare le informazioni contenute nel foglietto illustrativo dei produttori dei medicinali menzionati. Gli autori,
curatori, editori o distributori non sono responsabili per errori od omissioni o per qualsiasi conseguenza derivante dall’applicazione
delle informazioni di quest’opera e non danno nessuna garanzia, esplicita o implicita, rispetto al contenuto della pubblicazione. Gli
autori, curatori, editori e distributori non si assumono alcuna responsabilità da qualsiasi ingiuria o danno a persone o cose derivanti
                                                           dalla pubblicazione.




                                                       ISBN 978-88-299-2895-8




                                                           Stampato in Italia

                                     Copyright © 2018, by Piccin Nuova Libraria S.p.A., Padova
A coloro che si adoperano per una assistenza sanitaria ottimale
            per tutti, soprattutto per i più vulnerabili!
                             Carol Taylor


  Ai miei dieci nipoti, che portano tanta allegria, amore e piacere
                            nella mia vita.
                             Carol Lillis


 Agli studenti in infermieristica passati, presenti e futuri e alla mia
famiglia: ognuno di voi mi aiuta a continuare a imparare e a curare
                             ogni giorno.
                              Pam Lynn
Collaboratori

Collaboratori dell’ottava edizione in                        Jane C. Rothrock, PhD, RN, CNOR, FAAN
                                                             Adjunct Professor, Perioperative Nursing
lingua inglese                                               Delaware County Community College
Kerry H. Cheever, PhD, RN                                    Media, Pennsylvania
Professor and Chairperson                                    Chapter 29: Perioperative Nursing
Department of Nursing
Moravian College
                                                             Margaret Mary Thomas, BS, RN, CNOR
Bethlehem, Pennsylvania
                                                             Bryn Mawr Hospital
PICO in Practice: Asking Clinical Questions
                                                             Bryn Mawr, Pennsylvania
                                                             Chapter 29: Perioperative Nursing
Carrie Bowman Dalley, MS
Certified Registered Nurse Anesthetist (CRNA)
Georgetown University Nurse Anesthesia Program               Denise H. Tola, MSN, CRNA
Washington, DC                                               Clinical Director
Chapter 39: Fluid, Electrolyte, and Acid–Base Balance        Nurse Anesthesia Program
                                                             Georgetown University School of Nursing and Health Studies
Elizabeth Genazzio, MA, BSN, RN, CNOR, RNFA                  Washington, DC
Perioperative Nurse and RNFA                                 Chapter 39: Fluid, Electrolyte, and Acid–Base Balance
Lankenau Medical Center
Wynnewood, Pennsylvania
Faculty Assistant
Delaware County Community College
                                                             Collaboratori della settima edizione
Media, Pennsylvania                                          in lingua inglese
Chapter 29: Perioperative Nursing                            Lynn Burbank, MSN, RN, CPNP
                                                             Learning Resource Coordinator
Victoria M. Goode, PhD(c), MSNA, CRNA                        Dixon School of Nursing
Instructor                                                   Abington Memorial Hospital
Nurse Anesthesia Program                                     Abington, Pennsylvania
Georgetown University School of Nursing and Health Studies   Chapter 29: Medications
Washington, DC
Chapter 39: Fluid, Electrolyte, and Acid–Base Balance
                                                             Kerry H. Cheever, PhD, RN
Susan J. Hayden, PhD, MSN, BSN, BS, RN                       Professor and Chairperson
Assistant Professor                                          St. Luke’s School of Nursing at Moravian College
College of Nursing                                           Assistant Vice President
University of Southern Alabama                               St. Luke’s Hospital & Health Network
Mobile, Alabama                                              Bethlehem, Pennsylvania
Chapter 32: Activity                                         PICO in Practice: Asking Clinical Questions

Catherine Horvath, MSN, BSN, CRNA
                                                             Joanne O’Brien, MSN, RN
Instructor
                                                             Associate Professor
Nurse Anesthesia Program
                                                             Delaware County Community College
Georgetown University School of Nursing and Health Studies
                                                             Media, Pennsylvania
Washington, DC
                                                             Concept Maps
Chapter 39: Fluid, Electrolyte, and Acid–Base Balance

Donna Marie Jasinski, PhD, CRNA                              Christine E. Smith, MSN, RN, CNOR
Associate Professor                                          Perioperative Clinical Nurse Specialist
Georgetown University School of Nursing and Health Studies   Lucile Packard Children’s Hospital at Stanford
Washington, DC                                               Palo Alto, California
Chapter 39: Fluid, Electrolyte, and Acid–Base Balance        Chapter 30: Perioperative Nursing




iv
Revisori dell’ottava edizione
in lingua inglese
Monique Bacher, MSN/Ed, BScN, RN              Mary A. Ehret, MS, RN
PN/PSW Clinical Coordinator, Professor        Director of Nursing
George Brown College                          Brookdale Community College
Toronto, Ontario                              Lincroft, New Jersey

Kathy Batton, PhD, MSN                        Susan Lynn Estes, MSN, BSN, RN
Nursing Instructor                            Clinical Associate Professor
Hinds Community College                       Mercer University
Raymond, Mississippi                          Georgia Baptist College of Nursing
                                              Atlanta, Georgia
Mary Lee Berg, MS, RNC-MNN
Assistant Professor                           Janet Riga Goeldner, MSN
Onondaga Community College                    Professor
Syracuse, New York                            University of Cincinnati
                                              Cincinnati, Ohio
Joanne Bonesteel, MS, RN
Faculty Program Director                      Joan M. Hall, MS, APRN, BC
ADN Programs, Excelsior College               Lecturer/Clinical Instructor
Albany, New York                              San Diego State University
                                              San Diego, California
Dana M. Botz, MSN, RN
Nursing Faculty                               Linda G. Harmon, MSN
North Hennepin Community College              Nursing Instructor
Brooklyn Park, Minnesota                      Antelope Valley College
                                              Lancaster, California
Diane C. Bridge, EdS, MSN, RN
Assistant Professor of Nursing                Jeanne Heatlie, MSN
Liberty University                            Assistant Professor
Lynchburg, Virginia                           Madonna University
                                              Livonia, Michigan
Lynn Burbank, MSN, RN, CPNP
Learning Resource Coordinator                 Lori Ann Huber, MSN, CNS
Abington Memorial Hospital                    Program Coordinator
Dixon School of Nursing                       Portage Lakes Career Center
Willow Grove, Pennsylvania                    Cuyahoga Falls, Ohio

Paula Burnett, DNP, RN, CNE                   Denise Pruskowski Kavanagh, MSN, RN
Assistant Professor                           Assistant Professor
Salem State University                        LaSalle University
Salem, Massachusetts                          Philadelphia, Pennsylvania

Marinela Castaño, MSN                         Patricia T. Ketcham, MSN, RN
Professor of Nursing                          Director of Nursing Laboratories
Lone Star College—North Harris                Oakland University
Houston, Texas                                Rochester, Michigan

Desiree A. Díaz, PhD, RN-BC, CNE, CHSE        Carol A. Kincaid, MSN, BSN
Associate Clinical Professor                  Instructor
University of Connecticut School of Nursing   Crouse Hospital College of Nursing
Storrs, Connecticut                           Syracuse, New York

Loree M. DuBose, MSN, RN                      Kara Lesher, MSN, RN
Clinical Assistant Professor                  Nurse Educator
Texas A&M University—Corpus Christi           Reading Hospital School of Health Sciences
College of Nursing and Health Sciences        Reading, Pennsylvania
Corpus Christi, Texas




                                                                                           v
vi   Revisori dell’ottava edizione in lingua inglese

Sandi McCarthy, MSN, RN, CNE                           Joann Sands, DNP, RN, ANP-BC
Assistant Professor                                    Clinical Assistant Professor
University of Texas Medical Branch                     SUNY–University at Buffalo
Galveston, Texas                                       Buffalo, New York

Megan McHugh, MSN/ED, MSIS, RN, CCRN, CNRN             Mary Susan Servey, MSN, MSA, RN, BC
Nursing Informaticist                                  Professor
MedStar Georgetown University Hospital                 Wayne County Community College District
Washington, DC                                         Detroit, Michigan

Michelle Montpas, EdD, MSN, RN, CNE                    Joyce A. Shanty, PhD, RN
Professor of Nursing                                   Associate Professor
Mott Community College                                 Indiana University of Pennsylvania
Flint, Michigan                                        Indiana, Pennsylvania
Cynthia K. Neff, MSN
                                                       Catherine Sikorski, MSN, RN
Professor of Nursing
                                                       Professor
Allegany College of Maryland
                                                       Macomb Community College
Cumberland, Maryland
                                                       Warren, Michigan
Virginia Ann Ousley, MSN, BSN, RN, AAS
Professor                                              Sharon Souter, PhD, RN, CNE
Radford University                                     Dean and Professor
Radford, Virginia                                      University of Mary-Hardin Baylor
                                                       Belton, Texas
Karen Parker, DNP, FNP, RN
Assistant Professor                                    Lorelei Stellwag, MSN, RN, NE-BC
St. John Fisher College                                Director of Technology Transformation
Rochester, New York                                    Nursing Administration
                                                       MedStar Georgetown University Hospital
Jonni K. Pielin-Kircher, MSN, RN, CSN                  Washington, DC
Assistant Professor of Nursing
Westmoreland County Community College                  Twila Sterling-Guillory, PhD, MSN, BSN
Youngwood, Pennsylvania                                Associate Professor of Nursing
                                                       McNeese State University
Susan M. Randol, MSN, RN, CNE                          Lake Charles, Louisiana
Semester Coordinator and Master Instructor
University of Louisiana at Lafayette                   Carmen G. Vela, MSN, BSN, RN
Lafayette, Louisiana                                   Nursing Instructor, Faculty
                                                       Covenant School of Nursing, Covenant Health
Dana Reeves, MSN, RN
                                                       Lubbock, Texas
Assistant Professor
University of Arkansas–Fort Smith
                                                       Sharon Stahl Wexler, PhD, RN, GCNS-BC, FNGNA
Fort Smith, Arkansas
                                                       Assistant Professor
Wanda Jane Revis, MSN, BSN, RN                         Pace University
Associate Professor, Fundamentals Team Leader          Lienhard School of Nursing
Greenville Technical College                           New York, New York
Greenville, South Carolina
                                                       Samantha S. Wilson, MSN, BSN
Joscelyn A. Richey, MSN, ARNP, CDE                     Associate Professor of Nursing
Nursing Faculty                                        Germanna Community College
Hillsborough Community College                         Locust Grove, Virginia
Tampa, Florida
                                                       Kamomilani Anduha Wong, MSN, APRN, FNP-BC
Wendy Robinson, PhD, FNP-BC, CNE                       Assistant Professor
Associate Professor                                    Hawaii Pacific University
Helene Fuld College of Nursing                         College of Nursing and Health Sciences
New York, New York                                     Kaneohe, Hawaii

Kari Sand-Jecklin, EdD, MSN, RN
Associate Professor and Vice Chair
West Virginia University School of Nursing
Morgantown, West Virginia
Revisori dell’edizione italiana

Roberto Amaro                                                  Teresa Colacci
Infermiere SUEM 118                                            Direttore Infermieristico della Didattica Professionale
ULSS 1 Dolomiti                                                Polo Didattico della Formazione delle Professioni Sanitarie
Capitolo 18                                                    AOU Policlinico Umberto I Roma
                                                               Sapienza Università di Roma
Maria G. Amato                                                 Capitolo 27
Direttore Didattico Corso di Laurea in Infermieristica B
Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive           Jessica Cozza
Coordinatore Master di I Livello                               Infermiera
Infermieristica Forense e Gestione del Rischio Clinico         Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer Firenze
Facoltà di Farmacia e Medicina                                 Capitolo 6
Sapienza Università di Roma
Capitolo 24                                                    Franco Crisci
                                                               Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti
Annamaria Bagnasco                                             Corso di Laurea in Infermieristica
Professore Associato                                           Università degli Studi della Campania L.Vanvitelli
Dipartimento di Scienze della Salute                           ASL Caserta – Polo Didattico di Maddaloni
Università degli Studi di Genova                               Capitolo 5
Capitolo 31
                                                               Alberto De Paola
Maria Cristina Bigliardi                                       Direttore Attività Formative
Docente Tutor                                                  Corso di Laurea in Infermieristica
Corso di Laurea in Infermieristica di Modena                   Università degli Studi di Firenze – Sezione di Borgo San Lorenzo
Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia               Capitolo 33
Capitolo 17
                                                               Mario Degan
Lucia Baldi                                                    Coordinatore del Corso di Laurea in Infermieristica
Docente Scienze Infermieristiche Generali e Cliniche           Università degli Studi di Padova
Scuola di Scienze della Salute Umana,                          UOC Direzione delle Professioni Sanitarie
Corso di Laurea in Infermieristica                             Azienda Ospedaliera di Padova
Università degli Studi di Firenze                              Capitoli 10 ,12, 13
Capitolo 6
                                                               Barbara Denise Degola
Raffaela Borrasso                                              Infermiere
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti        Docente e Tutor didattico Corso di Laurea in Infermieristica
Corso di Laurea in Infermieristica                             Università degli Studi di Genova - Polo di Imperia
Università degli Studi della Campania L.Vanvitelli             Capitolo 30
AORN di Caserta - Polo didattico Sant’Anna e San Sebastiano,
Caserta                                                        Alessandro Delli Poggi
Capitolo 4, 20                                                 Direttore della Didattica Professionale Corso di Laurea in
                                                               Infermieristica A
Cinzia Canella                                                 Docente di Discipline Infermieristiche
Direttore delle Attività Didattiche                            Responsabile del Polo Didattico della Formazione delle
Corso di Studi in Infermieristica                              Professioni Sanitarie
Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara                   Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Umberto I Roma
Capitolo 9                                                     Facoltà di Medicina e Odontoiatria
                                                               Sapienza Università di Roma
Ferdinando Chiacchio                                           Capitolo 27
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti
Corso di Laurea in Infermieristica                             Marco Di Muzio
Università degli Studi di Napoli Federico II                   Dottore di Ricerca in Scienze Infermieristiche e Sanità Pubblica
ASL Napoli 2 Nord Polo Didattico di Frattaminore               Docente di Discipline Infermieristiche
Capitolo 14                                                    Direttore Didattico Corso di Laurea Triennale in Infermieristica
                                                               Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Umberto I Roma
Massimiliano Chiarini                                          Direttore Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze
Direttore Didattico Corso di Laurea in Infermieristica         Infermieristiche ed Ostetriche
Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive           Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive
Sapienza Università di Roma                                    Sapienza Università di Roma
Capitolo 22                                                    Capitolo 25
                                                                                                                              vii
viii   Revisori dell’edizione italiana

Sara Dionisi                                                   Gianluca Marino
Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche   Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti
Sapienza Università di Roma                                    Corso di Laurea in Infermieristica
Capitolo 25                                                    Università degli Studi della Campania L.Vanvitelli
                                                               ASL Caserta – Polo Didattico di Aversa
Elisabetta Donati                                              Capitolo 5
Ostetrica
Coordinatore Corso di Laurea in Ostetricia                     Maria Valeria Massidda
Università di Pisa                                             Docente e Tutor clinico Corso di Laurea in Infermieristica
Capitolo 40                                                    Università di Cagliari
                                                               Coordinatore Infermieristico
Maria Luisa Esposito                                           Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti        Capitolo 2
Corso di Laurea in Infermieristica
Università degli Studi della Campania L.Vanvitelli             Antonio Mattei
ASL Napoli 1 Centro – Polo Didattico Elena D’Aosta e S.        Coordinatore Infermieristico UOC Rianimazione
Maria degli Incurabili                                         Ospedale S.Maria Goretti Latina
Capitolo 21                                                    Docente di discipline infermieristiche
                                                               Corso di Laurea in Infermieristica – Polo Pontino
Marcello Fedi                                                  Sapienza Università di Roma
Professore a contratto                                         Capitolo 1
Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche
Corso Di Laurea in Infermieristica                             Debora Mungai
Scuola di Scienze della Salute Umana                           Docente e Direttore delle Attività Formative
Università degli Studi di Firenze                              Corso di Laurea in Infermieristica
Capitolo 35                                                    Università degli Studi di Firenze, Sezione di Prato
                                                               Capitolo 39
Fiorella Gazzellone
Docente Coordinatore e Tutor di anno                           Sandro Ortolani
Corso di Laurea in Infermieristica-Sede di Cassino             Professore a contratto
Sapienza Università di Roma                                    Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti
Capitolo 41                                                    Corso di Laurea in Infermieristica – Polo di Ancona
                                                               Facoltà di Medicina e Chirurgia
Maria Granato                                                  Università Politecnica delle Marche
Corso di Laurea in Infermieristica                             Capitolo 32
Università degli Studi della Campania L.Vanvitelli
ASL Napoli 1 Centro – Polo Didattico Elena D’Aosta             Cristian Palazzolo
Capitolo 21                                                    Tutor Corso di Laurea in Infermieristica
                                                               Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Laura Iacorossi                                                Capitolo 19
Dottore di Ricerca in Scienze Infermieristiche
Infermiere di Ricerca                                          Nunzio Panzera
IRCCS IFO, Roma                                                Docente
Capitolo 23                                                    Tutor coordinatore III anno di corso, Corso di Laurea in
                                                               Infermieristica
Anna Maria Iannicelli                                          Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti        Capitolo 19
Corso di Laurea in Infermieristica
Università degli Studi di Napoli Federico II                   Rita Papetti
Capitoli 3, 15                                                 Direttore Didattico del Corso di Laurea in Infermieristica
                                                               Sapienza Università di Roma, Sede distaccata di Frosinone
Gesualda La Porta                                              Capitolo 34
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti
Corso di Laurea in Infermieristica                             Barbara Pasqualini
Università degli Studi di Napoli Federico II                   Tutor e Docente di Infermieristica
Polo Didattico AORN Antonio Cardarelli                         Corso di Laurea in Infermieristica
Capitolo 16                                                    Università degli Studi di Siena
                                                               Capitolo 37
Rosanna Lombardi
Docente e Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica      Albina Paterniani
Università degli Studi di Siena                                Coordinatore Didattico Corso di Laurea In Infermieristica
Azienda Ospedaliero–Universitaria Senese                       IRCCS IFO, Roma
Capitolo 38                                                    Capitolo 26
Revisori dell’edizione italiana   ix
Antonio Penna                                                  Federico Scandagli
Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti        Libero professionista
Corso di Laurea in Infermieristica                             Dottore laureato in Infermieristica
Università degli Studi di Napoli Federico II                   Scuola di Scienze della Salute Umana
ASL Napoli 1 Centro – Polo Didattico Elena D’Aosta             Università degli Studi di Firenze
Capitolo 21                                                    Capitolo 35

Edda Oliva Piacentini                                          Laura Tibaldi
Direttore Didattico e Docente di discipline infermieristiche   Dottore di Ricerca in Scienze Infermieristiche
Corso di Laurea in Infermieristica, Sede di Gaeta/Formia       Direttore del Dipartimento delle Professioni Sanitarie
Sapienza Università Roma                                       Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Umberto I, Roma
Capitolo 29                                                    Docente di Discipline Infermieristiche
                                                               Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed
Luca Pietrini                                                  Ostetriche
Posizione Organizzativa Sviluppo, Implementazione e            Sapienza Università di Roma
Valutazione dei modelli di tutorato clinico e governo dei      Capitolo 25
processi di tirocinio
Dipartimento Professioni Sanitarie, Azienda Ospedaliero-       Giovanna Venditti
Universitaria di Careggi                                       Dirigente Assistenza Infermieristica
Direttore Attività Formativa Corso di Laurea Magistrale in     Responsabile Ufficio Infermieristico
Scienze Infermieristiche e Ostetriche                          Ospedale F. Veneziale di Isernia
Università degli Studi di Firenze                              Direttore Didattico e Docente al Corso di Laurea in
Capitolo 8                                                     Infermieristica
                                                               Sapienza Università di Roma – Polo didattico Molise
Maria Rita Pinna                                               Capitolo 28
Dirigente Professioni Sanitarie
Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari                  Milko Zanini
Capitolo 7                                                     Ricercatore
                                                               Dipartimento di Scienze della Salute
Franca Placenti                                                Università degli Studi di Genova
Responsabile Attività Formative Professionalizzanti            Capitolo 31
Corso di Laurea in Infermieristica
Università degli Studi di Trieste                              Carla Zenobi
Capitolo 11                                                    Tutor professionale
                                                               Corso di Laurea in Infermieristica B
Serenella Savini                                               Sapienza Università di Roma
Dottore di Ricerca in Scienze Infermieristiche                 Capitolo 24
Direttore Didattico Corso di Laurea in Infermieristica N
Sapienza Università di Roma
Posizione Organizzativa Sanitaria ASL Roma4
Capitolo 36
Prefazione
L’attuale competitività della sanità dettata da ragioni di      Unità II, la cura centrata sulla
mercato sta sfidando la natura stessa della pratica pro-        persona e il processo di nursing
fessionale infermieristica. Questo testo promuove l’in-
fermieristica come arte e scienza in evoluzione continua,       L’unità II offre una dettagliata guida passo dopo passo per
finalizzata alla salute e al benessere della persona. È una     ogni componente del processo infermieristico con linee
sfida per gli studenti infermieri a coltivare l’educazione      guida pratiche ed esempi inclusi in ciascun capitolo. Cia-
alla qualità e alla sicurezza (QSEN, Quality and Safety         scun capitolo ha una sezione dedicata alla pratica riflessiva
Education for Nurses) e le appropriate competenze miste         che porta i lettori a esaminare la propria esperienza a ogni
per prendersi cura dei pazienti nell’ottica di un migliora-     passaggio del processo infermieristico, capirlo e imparare
mento continuo dei sistemi di assistenza sanitaria entro        da esso. L’obiettivo è sempre quello di invitare a riflet-
i quali sono destinati a operare. Il nostro obiettivo è di      tere sul modo in cui possiamo migliorare la nostra pratica
preparare infermieri che uniscano il massimo livello di         thoughtful (premurosa) e centrata sui bisogni della persona.
conoscenza scientifica e abilità tecnologica con una pratica       Il Capitolo 6 offre un’attenta introduzione alla pratica
responsabile e premurosa. Vogliamo sfidare gli studenti a       thoughtful e centrata sui bisogni della persona con conte-
identificare e padroneggiare le abilità cognitive e tecniche    nuti estesi sulle teorie di caring, il ragionamento clinico, il
come pure le abilità interpersonali ed etiche e/o giuridiche    giudizio, il processo decisionale e la pratica riflessiva. I sin-
necessarie per assistere in modo efficace i pazienti. Rifiu-    goli capitoli affrontano il processo infermieristico nel suo
tiamo l’idea che la responsabilità e le relazioni di caring     complesso: la formazione sulla qualità e la sicurezza per gli
siano un superato retaggio del passato.                         infermieri (QSEN) e le competenze miste, il pensiero critico,
   I nuovi infermieri possono essere rapidamente sopraf-        l’accertamento, la diagnosi, l’identificazione dei risultati e la
fatti dalle esigenze di conoscenze, competenze tecniche,        pianificazione degli interventi, l’attuazione e la valutazione.
abilità interpersonali e impegno che sono loro richieste.       Il capitolo 12 presenta altri contenuti sulle linee guida sulla
Pertanto, abbiamo dedicato molta attenzione sia alla sele-      privacy e sugli standard per i social media, la documenta-
zione del contenuto del libro che alla sua presentazione.       zione sanitaria con la cartella clinica elettronica (EHR), il
Il nostro sforzo è teso a catturare l’essenza unica dell’arte   reporting, il conferring e l’utilizzo dell’informatica.
e della scienza dell’infermieristica, distillando ciò che il    Unità III, promozione della salute
neofita del nursing deve sapere. Invitiamo gli studenti a
identificarsi con la professione, a condividerne l’orgoglio
                                                                nelle diverse fasce d’età
e a rispondere alle sfide di oggi in modo competente, entu-     L’unità III fornisce la base per comprendere la crescita e
siastico e responsabile.                                        lo sviluppo nelle diverse fasce d’età e riconosce i diversi
                                                                requisiti del nursing correlati alle varie fasi di sviluppo e
ACQUISIZIONE DELL’ESPERIENZA                                    alle capacità di soddisfare i compiti di sviluppo.
Questo testo è stato realizzato tenendo presente l’espe-        Unità IV, ruoli di base per l’assistenza
rienza degli studenti e, allo scopo di aiutarli a comprendere
                                                                infermieristica
e conservare meglio le informazioni, abbiamo fatto ricorso
a diversi stili d’insegnamento-apprendimento.                   L’unità IV descrive i principali ruoli degli infermieri nella
                                                                loro interazione olistica con i pazienti. I capitoli si foca-
ORGANIZZAZIONE                                                  lizzano su aspetti quali la comunicazione, l’educazione e
Il testo è organizzato in sette unità; abbiamo voluto orga-     il counseling, la leadership, il management e il coordina-
nizzare gli argomenti in capitoli disposti secondo una          mento delle cure da parte dell’infermiere come caregiver.
sequenza che tiene conto delle esigenze dei diversi piani
                                                                Unità V, azioni di base dell’assistenza
di studio e degli studenti. Nell’ambito di questa struttura-
zione organica dei contenuti, abbiamo comunque cercato          infermieristica
di fare in modo che ogni capitolo possa vivere indipenden-      L’unità V illustra le abilità fondamentali utilizzate dagli
temente dagli altri.                                            infermieri: mantenere l’asepsi, rilevare i parametri vitali,
                                                                valutare lo stato di salute, promuovere la sicurezza, uti-
Unità I, fondamenti di pratica                                  lizzare terapie complementari e alternative, somministrare
infermieristica                                                 farmaci e prendersi cura dei pazienti chirurgici.
L’unità I si apre con una descrizione dell’infermieristica
                                                                Unità VI, promozione di risposte
contemporanea. I capitoli successivi introducono il conte-
nuto fondamentale per la pratica infermieristica: la teoria,    fisiologiche sane
la ricerca e la pratica basata sulle evidenze, la salute, la    L’unità VI esamina il ruolo dell’infermiere nell’aiutare i
malattia e la disparità, la salute della persona, della fami-   pazienti a soddisfare i bisogni fisiologici di base: igiene,
glia e della comunità, la diversità culturale.                  integrità della cute e cura delle lesioni, movimento cor-

                                                                                                                              xi
xii   Prefazione

poreo e movimentazione del paziente, riposo e sonno;                 e soddisfacente discussione sul concetto, seguita dall’in-
comfort e gestione del dolore, nutrizione, eliminazione uri-         dividuazione dei fattori che influenzano il modo in cui i
naria, eliminazione intestinale, ossigenazione e perfusione          diversi individui rispondono a questi bisogni. Le fasi del
polmonare ed equilibri idrici, elettrolitici e acido-base. In        processo di nursing sono utilizzate per descrivere le cor-
ogni capitolo sono incluse linee guida per valutare e dia-           relate responsabilità dell’infermiere. In questi capitoli, gli
gnosticare le risposte non sane e per pianificare, attuare e         studenti troveranno numerosi esempi pratici su come effet-
valutare strategie di cura appropriate.                              tuare accertamenti mirati, sviluppare e scrivere le diagnosi,
                                                                     individuare gli obiettivi e i risultati e selezionare, attuare
Unità VII, promozione di risposte                                    e valutare gli interventi infermieristici appropriati. Questi
psicosociali sane                                                    esempi hanno lo scopo di rafforzare la padronanza delle abi-
L’unità VII utilizza lo stesso formato dell’Unità VI per             lità del processo infermieristico da parte degli studenti. Un
focalizzarsi sui bisogni psicosociali dei pazienti: concetto         altro aspetto di rilievo di questo libro sono le competenze
di sé, stress e adattamento, perdita, lutto e morte, perce-          della qualità e della sicurezza per gli infermieri (QSEN). La
zione sensoriale, sessualità e spiritualità.                         maggior parte dei capitoli delle Unità VI e VII si conclude
                                                                     con un Piano di assistenza infermieristica che illustra ogni
TEMI                                                                 fase del processo di nursing e un esempio di documenta-
                                                                     zione dell’accertamento o dell’intervento dell’infermiere.
I seguenti temi sono intrecciati in tutto il testo per fornire
                                                                     Inoltre, in vari capitoli sono riportate mappe concettuali che
una vasta base di conoscenze infermieristiche specifiche e
                                                                     dimostrano lo svolgimento del processo infermieristico.
nel contempo sottolineare l’approccio olistico.

Pratica premurosa (thoughtful) e cura                                Il nursing come arte e scienza
centrata sui bisogni della persona                                   L’infermieristica come scienza è caratterizzata da un cre-
                                                                     scente corpo di conoscenze che collega gli interventi tecnici
In questo testo si sottolinea l’importanza dell’assistenza
                                                                     e interpersonali ai risultati desiderati del paziente; come
centrata sul soddisfacimento dei bisogni personali del
                                                                     arte, il nursing richiede ai suoi praticanti una competenza
paziente, come pure del ragionamento clinico, del giudi-
                                                                     sufficiente a progettare creativamente strategie personaliz-
zio, del processo decisionale e della pratica riflessiva, temi
                                                                     zate per aiutare i pazienti a raggiungere i propri obiettivi di
affrontati in ogni capitolo.
                                                                     salute. In questo, deve sempre prevalere uno spirito di cura
Enfasi sulla collaborazione con i                                    unico.
                                                                        Ogni abilità, nei capitoli di pratica infermieristica, è
pazienti, i familiari e i caregiver                                  introdotta da Considerazioni sull’attribuzione dei compiti,
professionali                                                        con informazioni decisionali tratte dall’associazione degli
L’attuale sviluppo dell’“industria della salute” ha trasfor-         infermieri americana (ANA, American Nurses Associa-
mato il “malato” in un “utente” dei servizi sanitari erogati         tion) e dai principi e raccomandazioni del NCSBN (Natio-
o, addirittura, in un “cliente”, cioè un soggetto che acquista       nal Council of State Boards of Nursing).
e paga l’assistenza sanitaria (se può permetterselo) come
se fosse una qualsiasi merce sul mercato. Per quanto ci              Orientamento alla salute e disparità
riguarda, non crediamo che un orientamento “commerciale”             sanitarie
verso i malati sia utile per loro o per gli infermieri. Perciò
                                                                     Un orientamento sulla salute piuttosto che sulla malat-
usiamo il termine “paziente” - nel suo senso più positivo -
                                                                     tia costituisce la cornice all’interno della quale vengono
per designare il destinatario della cura infermieristica.
                                                                     discussi i vari argomenti. Questo intento è soddisfatto dalla
   Un’attenzione particolare è prestata a dirigere gli studenti
                                                                     presenza di numerosi box dedicati all’approfondimento di
al fine di identificare, apprezzare e sviluppare le abilità
                                                                     temi quali l’educazione sanitaria, le disparità sanitarie, la
interpersonali che consentiranno loro di trovare dei part-
                                                                     promozione della salute e i suggerimenti educativi.
ner efficaci nei pazienti, nei loro familiari e nei caregiver
professionali. Nel testo, sono messe in evidenza la pratica          Approccio olistico nelle varie fasce
collaborativa e le strategie infermieristiche per impegnare
attivamente i pazienti e i caregiver della cerchia dei familiari
                                                                     d’età
e degli amici a sviluppare gli obiettivi e gli interventi sanitari   Un orientamento olistico ai bisogni umani di base è essen-
appropriati per raggiungere i risultati desiderati. I pazienti       ziale nelle diverse fasce d’età. Quest’orientamento è sot-
possono essere persone singole, famiglie o comunità.                 tolineato attraverso informazioni sulla crescita e sullo
   Vogliamo precisare che gli infermieri e i pazienti pos-           sviluppo nell’unità III e attraverso considerazioni sull’età
sono essere maschi o femmine, oltre che di qualsiasi razza,          in molte Abilità pratiche e attraverso considerazioni legate
etnia e livello socioeconomico.                                      allo sviluppo in varie tabelle e box correlati. Laddove
                                                                     appropriato, sono incluse anche le considerazioni culturali.
Processo infermieristico integrato
Una volta introdotto nell’Unità II, il processo infermie-
                                                                     Attenzione ai bisogni particolari della
ristico fornisce la struttura organizzativa per i successivi         persona anziana
capitoli. I capitoli delle Unità VI e VII, che si occupano di        Poiché l’età della popolazione è in aumento, gli infermieri
risposte fisiologiche e psicosociali, iniziano con una breve         incontrano un numero sempre crescente di pazienti anziani
Prefazione      xiii
nei setting sanitari. Il Capitolo 15, dedicato all’invecchia-        altro reparto all’interno dell’ospedale o in altre strutture
mento dell’adulto, i vari box focalizzati sul paziente anziano       di assistenza sanitaria o a casa e hanno bisogno di sapere
sparsi in numerosi capitoli e le considerazioni generali per il      subito quali sono le risorse di assistenza sanitaria presenti
paziente anziano che appaiono all’interno del testo mirano           nel territorio e i numerosi nuovi ruoli specializzati degli
a sensibilizzare gli studenti alle esigenze specifiche di            infermieri (coach, leader, coordinatore ecc).
questa fascia di popolazione. In questo testo, i lettori tro-
veranno molte informazioni sulla demenza, la depressione             Focalizzazione sulla sicurezza
e il delirio, una discussione sulla iatrogenesi a cascata e          Particolare enfasi è posta sulla sicurezza dei pazienti, siano
sullo strumento di accertamento Fulmer SPICES, utilizzato            essi bambini, adolescenti o anziani. Sono presentati i con-
per identificare i problemi comuni che portano a risultati           tenuti sulla sicurezza dell’Institute of Medicine, 2014 Joint
negativi nelle persone anziane, e le posizioni dell’Ameri-           Commission National Patient Safety Goals e del Sentinel
can Geriatrics Society e dell’ANA Position Statement on              Event Statistics e vengono fornite informazioni sulle infe-
Restraint Use sull’uso della contenzione.                            zioni correlate alla pratica assistenziale (ICPA). Inoltre,
                                                                     sono incluse le procedure di sicurezza sulla movimenta-
Pensiero critico e ragionamento                                      zione manuale del paziente - in base alle linee guida VISN
clinico                                                              8 Patient Safety Center, 2006, 2007 e 2009 - e sul passag-
                                                                     gio delle consegne al cambio turno o al trasferimento del
L’Unità II, dedicata alla cura centrata sulla persona e al pro-
                                                                     paziente in altra sede.
cesso di nursing, invita gli studenti a riflettere sulla capa-
cità di essere loro la differenza fondamentale per i pazienti        La ricerca come punto di forza
destinatari della pratica premurosa. I box dedicati alla pra-
                                                                     per la pratica
tica riflessiva, alla guida al pensiero critico e il paragrafo sul
ragionamento clinico in ogni capitolo sfidano gli studenti a         I contenuti sulla ricerca e sulla pratica basata sulle evidenze
utilizzare nuove conoscenze ed esperienze per “riflettere”           sono aggiornati e inclusi nell’Unità I per una maggiore
attraverso esercizi di apprendimento progettati per dimo-            enfasi all’inizio dell’esperienza di apprendimento. Il box
strare come un pensiero attento possa cambiare i risultati.          sul metodo PICO nella pratica infermieristica incoraggia i
                                                                     lettori ad approfondire la ricerca per risolvere un problema
Ambienti di lavoro sani                                              clinico utilizzando il formato PICO e le linee guida corre-
                                                                     late. Altri box aggiornati sulla ricerca in infermieristica,
Nel testo sono affrontate le questioni attuali d’inciviltà,
                                                                     presenti in tutto il libro, promuovono il valore della ricerca
bullismo, cyber terrorismo, violenza laterale, comporta-
                                                                     e applicano la sua rilevanza alla pratica infermieristica.
mento aggressivo e l’uso di social media da parte degli
infermieri per aiutare i lettori a comprendere ciò che serve         Informazioni cliniche aggiornate
per avere un ambiente di lavoro sano.                                I contenuti di ogni capitolo sono rigorosamente aggiornati
                                                                     secondo le ricerche e le pubblicazioni di settore più recenti
Focalizzazione sulle abilità                                         e comprendono quanto segue:
infermieristiche
                                                                     r Informazioni ampliate sulla genomica
Le Abilità sono presentate in un formato conciso, diretto e          r Nuove informazioni su SIDS e SUID (morte improvvisa
semplificato, inteso a facilitare una competente prestazione            non spiegata del lattante)
professionale. Ogni azione infermieristica è accompagnata            r Discussione ampliata sull’obesità infantile
da un razionale scientifico; molte fotografie a colori e             r Pericoli associati all’uso di bevande energetiche e dro-
illustrazioni rafforzano ulteriormente la padronanza dei                ghe come la marijuana sintetica e i sali da bagno
contenuti. Le Considerazioni sull’attribuzione dei compiti           r Informazioni estese su diversi microrganismi resistenti
aiutano gli studenti e gli infermieri a sviluppare le abilità           ai farmaci; l’uso di protocolli di combinazione, o bundle,
decisionali critiche necessarie per trasferire la responsabi-           delle migliori pratiche empiriche, l’impatto dei problemi
lità della prestazione di un’attività a un altro soggetto e per         del personale sulle infezioni ICPA
assicurare un’assistenza infermieristica sicura ed efficace.         r Uso del gel alcolico per l’igiene delle mani con il Clo-
Quando necessario e opportuno, nelle Abilità sono fornite               stridium difficile
Considerazioni particolari, che comprendono modifiche e              r Raccomandazioni ANA sulla riduzione dell’uso delle
considerazioni sull’assistenza sanitaria domiciliare e cor-             contenzioni
relate all’età. Sono incluse anche le situazioni inaspettate         r Nuove linee guida per evitare i “never events” (errori che
e gli interventi associati, per aiutare gli studenti a pensare          non dovrebbero essere commessi mai) nella fase perio-
criticamente alle procedure che eseguono. Infine, ogni                  peratoria e nella preparazione della cute
Abilità include le linee guida di una documentazione d’e-            r Protocollo universale e time-out (momento di riflessione
sempio per aiutare gli studenti a capire che cosa e come                e controllo prima di procedere con la procedura chirur-
documentare durante l’esecuzione di una procedura.                      gica) della TJC (The Joint Commission)
                                                                     r Prevenzione del rumore nei reparti per acuti e terapia
Focalizzazione sui ruoli                                                intensiva
dell’infermiere in senso ampio                                       r Protocollo per il monitoraggio degli eventi sentinella
I pazienti oggi trascorrono in genere pochi giorni nello                (TJC Sentinel Alert) sulla stanchezza degli operatori
stesso reparto ospedaliero; spesso sono trasferiti in un                sanitari
xiv   Prefazione

r Informazioni aggiornate su disforia di genere e inter-      r Utilizzo della scala per la guarigione delle lesioni da
   sessualità                                                     pressione (PUSH [Pressure Ulcer Scale for Healing]
r Discussione sui cambiamenti sensoriali associati all’in-       Tool), per valutare/documentare la guarigione delle
   vecchiamento                                                   lesioni da pressione
r Obiettivi nazionali per la sicurezza del paziente TJC       r Assunzioni dietetiche di riferimento (DRI, dietary refe-
   2014 (TJC 2014 National Patient Safety Goals)                  rence intakes)
r Comunicazione SBAR/SBARR per migliorare il passag-          r Sistema di guida alimentare My Plate
   gio di pazienti da un caregiver professionale a un altro
r Aggiornati standard di pratica ANA, International           Guide all’autoaccertamento
   Council of Nurses (ICN) Definition of Nursing e inizia-     Questo testo incoraggia gli studenti a essere indipendenti.
   tiva Healthy People 2020                                    Le checklist (liste di controllo) in tutto il testo (ad esempio,
r Principi di delegation (attribuzione dei compiti)           l’accertamento delle competenze miste, l’utilizzo del pro-
   dell’ANA                                                    cesso infermieristico, la valutazione dello stato di salute)
r Modello di competenza culturale di Purnell                  consentono agli studenti di valutare i punti di forza e le
r Linee guida per i social media                              limitazioni personali e sviluppare obiettivi di apprendi-
r Abbreviazioni da “non utilizzare” del “Do Not Use”          mento correlati.
   Abbreviations, Institute for Safe Medication Practices
   (ISMP), per evitare errori
r Utilizzo della scheda “incident reporting” (rapporti
                                                               CARATTERISTICHE PARTICOLARI
   sull’incidente) per la corretta segnalazione degli stessi   Il testo ha molte caratteristiche finalizzate ad aiutare gli
r Aggiornate informazioni su documentazione clinica           studenti a cogliere i contenuti importanti. Per ulteriori
   elettronica, nuove tecnologie dell’informazione e consi-    informazioni al riguardo, fare riferimento alla sezione che
   derazioni sulla privacy                                     segue in queste pagine su come utilizzare questo testo.
Come utilizzare “Principi fondamentali
dell’assistenza infermieristica”
Carissime studentesse, carissimi studenti,
Congratulazioni per aver scelto una professione emozionante e gratificante! Come autrici di questo testo vi accogliamo
calorosamente nella nostra professione e siamo davvero orgogliose del nostro ruolo come guide per una pratica
eccellente. In questo testo, abbiamo cercato di presentare in un formato chiaro e piacevole le conoscenze scientifiche
e tecniche necessarie per progettare un’assistenza infermieristica sicura ed efficace. Ma vorremmo fare qualcosa di
più che prepararvi solo a livello intellettuale e tecnico. Vogliamo anche insegnarvi preziose abilità interpersonali e
contenuti specificamente progettati per prepararvi a rispondere alle sfide etiche e legali nella pratica infermieristica
odierna. E allora fate un respiro profondo e immergetevi in questo mare di conoscenze! I vostri pazienti contano su di
voi, così come noi!
Carol Taylor, Carol Lillis e Pamela Lynn


ECCO COME INIZIARE!
SEGUITE LA STORYLINE DEI
PAZIENTI PRESENTATI ALL’INIZIO
DI OGNI CAPITOLO!
Fate la conoscenza dei vostri pazienti leggendo le
informazioni su di loro presentate all’inizio del capitolo,
gli Scenari dei casi.




                                                                  p                                       g
Le narrazioni (storytelling) all’interno di      nazione dei tessuti è minore nelle persone che soffrono di
                                                 anemia o di disturbi respiratori cronici e nei fumatori.
ogni capitolo si riferiscono a questi scenari
e vi aiutano a considerare in che modo i                   RICORDATE Lucius Everly, il paziente descritto
                                                           nel box Pratica riflessiva. La capacità dell’infer-
contenuti trattati nel capitolo si applicano               miere di integrare le conoscenze degli effetti
alla cura dei pazienti considerati.              del diabete sulla circolazione sarebbe importante nella
                                                 programmazione delle misure finalizzate a garantire
                                                 un’adeguata circolazione agli arti del paziente come un
                                                 mezzo per prevenire lesioni cutanee. ●

                                                   Inoltre, grandi quantità di tessuto adiposo sottocutaneo
                                                 (che ha un minor numero di vasi sanguigni) nelle persone




PREPARATEVI AD IMPARARE!                                                       OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
Prima di affrontare il capitolo, leggete gli Obiettivi
                                                                               Dopo aver completato il capitolo, sarete in
                                                                                                                         n grado di
di apprendimento che vi aiuteranno a capire che                                   fare quanto segue:
cosa è importante e perché. Create il vostro profilo di                         1. Parlare dei processi coinvolti nella gua
                                                                                                                          arigione
                                                                                   delle lesioni.
apprendimento o utilizzateli per un’autoverifica.
                                                                                2. Identificare i fattori ch
                                                                                                           he influenzano la
                                                                                                                           a
                                                                                   guarigione delle lesion ni.
                                                                                3. Identificare i pazienti a rischio di svilup
                                                                                                                             ppare
                                                                                   lesioni da pressione.
                                                                                4. Conoscere la stadiazio
                                                                                                        one delle lesionii da
                                                                                   pressione.
                                                                                5. Accertare e documentare accuratame
                                                                                                                    ente la
                                                                                   condizione delle ferite
                                                                                                         e.
                                                                                6. Fornire gli interventi in
                                                                                                           nfermieristici app
                                                                                                                            propriati
                                                                                   per prevenire le lesion ni da pressione.
                                                                                7. Attuare i cambi di med  dicazione appro
                                                                                                                         opriati per i
                                                                                   diversi tipi di ferite.
                                                                                8. Fornire informazioni ai pazienti e ai ca
                                                                                                                          aregiver
                                                                                   per l’autocura delle le
                                                                                                         esioni a casa.
                                                                                9. Applicare in modo effic
                                                                                                         cace e sicuro la
                                                                                                                        a terapia
                                                                                   del caldo e del freddo
                                                                                                        o.

xvi
Come utilizzare “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica”                                                                          xvii

                                                                                                            PA R O L E C H I AV E
                                                                                                            benda                               forza di attrito
Leggete la lista delle Parole chiave,                                                                       bendaggio                           forza di taglio
situata nel testo subito dopo gli Obiettivi                                                                 biofilm                             frizione, attrito,
                                                                                                            cicatrice                           sfregamento
di apprendimento, per acquisire familiarità                                                                                                     ischemia
                                                                                                            deiscenza
con la nuova terminologia presentata nel                                                                    derma                               lesione da pressione
capitolo. Questi termini sono riportati                                                                     epidermide                          macerazione
                                                                                                            epitelizzazione                     medicazione
in grassetto nel testo del capitolo; se                                                                                                         necrosi
                                                                                                            escara
necessario, utilizzate il Glossario alla fine                                                               essiccazione                        sbrigliamento
del libro per rivedere il loro significato.                                                                 essudato                            taglio, scivolamento
                                                                                                            essudato ematico                    terapia a pressione
                                                                                                                                                negativa per le ferite
                                                                                                            essudato purulento
                                                                                                                                                (NPWT, negative-
                                                                                                            essudato sieroematico               pressure wound therapy,
                                                                                                            essudato sieroso                    VAC therapy)
                                                                                                            eviscerazione                       tessuto di granulazione
                                                                                                            ferita                              tessuto sottocutaneo
                                                                                                            fistola                             tragitto fistoloso (fistola)



SVILUPPATE LE ABILITÀ                                                                                                            PRATICA RIFLESSIVA: COLTIVARE LE COMPETENZE QSEN*

DI PENSIERO CRITICO E                                                                                                            METTERE ALLA PROVA LE ABILITÀ ETICHE E GIURIDICHE
                                                                                                                                 Due settimane fa, mi sono trovata ad affrontare un caso               e di altre attenzioni assistenziali. Mentre era nella stanza,

RAGIONAMENTO CLINICO!                                                                                                            clinico difficile durante l’assistenza di Lucius Everly, un
                                                                                                                                 paziente in fase postoperatoria con un’anamnesi di diabete
                                                                                                                                 e problemi di circolazione. Ho constatato che l’infermiera
                                                                                                                                                                                                       l’infermiera ha parlato del signor Everly come se fosse sordo.
                                                                                                                                                                                                       A mio parere, così parlando in quella situazione l’infermiera
                                                                                                                                                                                                       non ha rispettato l’incapacità di comunicare del paziente. Mi
                                                                                                                                 che aveva in carico il paziente si faceva vedere poco in              sono sentita frustrata perché l’infermiera non condivideva il
Leggete i box Pratica riflessiva e scoprite in che modo                                                                          stanza e che il signor Everly sembrava essere trascurato
                                                                                                                                 anche dagli altri operatori sanitari e, dato che non comuni-
                                                                                                                                                                                                       mio senso di preoccupazione nei confronti del paziente. Mi
                                                                                                                                                                                                       sono irritata quando le ho chiesto cosa potevamo fare per la
altri studenti in infermieristica affrontano situazioni                                                                          cava e aveva un ridotto livello di coscienza, non riusciva ad
                                                                                                                                 esprimere i propri bisogni. Ho visto che aveva bisogno di
                                                                                                                                                                                                       cattiva circolazione ai piedi dell’assistito. La mia irritazione è
                                                                                                                                                                                                       aumentata quando ho capito che il paziente stava svilup-
                                                                                                                                 fare il bagno, di curare la ferita, di essere riposizionato a letto   pando una lesione da pressione ai talloni.
impegnative (cognitive, tecniche, interpersonali o etiche/
                                                                                                                                 Pensare fuori dagli schemi: possibili linee d’azione
giuridiche). Quale azione ha intrapreso quello studente                                                                          t&TQPSSFTVCJUPBMMBNJBUVUPSDMJOJDBMFNJFGSVTUSB[JPOJJO
                                                                                                                                   modo da intervenire tempestivamente sul paziente e da
                                                                                                                                                                                                       t$IJFEFSFBMMBDBQPTBMBEJBDDFSUBSFMBRVBMJUËEFMMBTTJ-
                                                                                                                                                                                                         stenza fornita al mio paziente comparando quella di cui
per quella situazione? Fareste come lui? Riflettete su                                                                             evitare le mie frustrazioni.
                                                                                                                                 t"OEBSFEBMMBNJBJOGFSNJFSBFEJSMFDIFOPOFSPEBD-
                                                                                                                                                                                                         aveva bisogno con quella che stava ricevendo.

                                                                                                                                   cordo sull’assistenza che lei stava fornendo, insistendo
come rispondereste a situazioni simili nello sviluppo delle                                                                        che doveva essere fatto di più per questo paziente.

competenze QSEN.                                                                                                                 Valutazione di un buon risultato: come faccio a definire il successo?
                                                                                                                                 t*MQB[JFOUFSJDFWFVOBTTJTUFO[BEJRVBMJUËQJáBMUB               t*MQB[JFOUFOPOWJFOFEJTDSJNJOBUPFUSBTDVSBUPJOCBTF
                                                                                                                                 t-JOGFSNJFSBOPOTJTFOUFPGGFTBQFSMFPTTFSWB[JPOJ                 alla sua incapacità di comunicare e alla sua diminuzione
                                                                                                                                   sull’assistenza che sta fornendo.                                     del livello di coscienza.
                                                                                                                                 t"GGSPOUBOEPJMQSPCMFNBJMQSJNBQPTTJCJMF MFNJFGSVTUSB-
                                                                                                                                   zioni non interferiranno con il resto della mia giornata.

                                                                                                                                 Apprendimento personale: pensando al futuro
                                                                                                                                 Risultato felice e allo stesso tempo triste. Anche se questo          tava a “dare tutti i farmaci, e a firmare le pagine giuste”,
                                                                                                                                 paziente non è in grado di comunicare a parole, gli ho                quando invece parlare a questo paziente, tenerlo per
                                                                                                                                 tenuto la mano, ho parlato con lui, e ho sentito che era in           mano e farlo sentire più a suo agio era decisamente più
   UIDA AL PENSIERO CRITICO ͖͛ǧ͕                                                                                                 grado di riconoscere la mia presenza premurosa. Dopo                  importante. Due giorni dopo il paziente è morto. Ero triste,
                                                                                                                                 la pausa pranzo, ho espresso la mia frustrazione per                  ma molto soddisfatta di essermi davvero presa cura di lui
 CURA DELLE FERITE: PROMUOVERE L’ACCETTAZIONE DEI CAMBIAMENTI                                                                    la mancanza di assistenza alla mia tutor clinica e le ho              e di tenergli la mano nei suoi ultimi giorni.
 DELL’IMMAGINE CORPOREA                                                                                                          chiesto di venire a vedere il paziente e aiutarmi a fornirgli            Anche se penso che sarei dovuta andare subito, senza
                                                                                                                                 l’assistenza dovuta. La mia tutor ha convenuto che questo             aspettare minimamente, dalla mia tutor per spiegarle il
                                                                                                                                 paziente aveva bisogno di maggiore assistenza. Lei, a                 mio problema, rivolgermi a lei è stata la decisione giusta.
 Durante il tuo tirocinio clinico, ti hanno dato in carico      3. Affrontare i potenziali problemi                              differenza della mia infermiera, non ha parlato della con-            La mia tutor ha preso sul serio le mie preoccupazioni e,
 una donna di mezza età che ha subìto l’asportazione               Ci sono diversi potenziali ostacoli al pensiero critico in    dizione del paziente in presenza del diretto interessato,             per prima cosa, mi ha aiutata ad assistere il paziente, poi
 chirurgica di una mammella per tumore. La paziente, la         questa situazione. Come studentessa, tu vuoi dimostrare          come se non potesse sentire. La mia tutor si è anche assi-            è andata dritta dalla caposala per assicurare al paziente
 signora Nola, è una bella donna di solito allegra e desi-      di saper erogare un’assistenza sicura e ben informata, e         curata che avremmo fatto del nostro meglio affinché que-              l’adeguata assistenza della cute e della ferita. Infine, ha
                                                                                                                                 sto paziente si sentisse il più possibile a suo agio. Gli ha          saputo affrontare l’infermiera senza insultarla al fine di
 derosa di star meglio per poter ritornare a casa. Tuttavia,    l’importanza di educare i pazienti per l’assistenza domi-        parlato come se fosse in grado di sentire. Inoltre, ha chia-          assicurarsi che eravamo allineate per quanto riguardava
 durante il tuo servizio come infermiera studentessa, la        ciliare è stata oggetto di particolare attenzione in questo      mato nella stanza la caposala per sottolineare la scarsa              l’assistenza di cui questo paziente aveva bisogno e che,
 signora ha girato la testa dall’altra parte per non guar-      corso. In quanto donna, tu capisci bene che cosa debba           assistenza erogata a questo paziente, evidenziando la                 però, non riceveva. Parlando del problema, sono riuscita
 dare l’incisione al momento del cambio di medicazione.         significare la perdita di una mammella. Avendo avuto             necessità di migliorare il suo livello di assistenza in futuro.       ad assolvere il mio lavoro in clinica con una sensazione
 Ti dice che “proprio non ce la fa a guardarsi”. Il marito      un familiare morto di tumore, ti trovi nella situazione          La mia tutor e la caposala, in termini professionali e non            positiva circa le mie azioni e il sostegno per questo
                                                                                                                                 umilianti, hanno espresso all’infermiera assegnata a que-             paziente. Mi sentivo ancora frustrata per com’era stato
 è sempre uscito dalla stanza durante i cambi di medi-          di voler fare di tutto per la signora Nola. Come novi-           sto paziente che questi aveva bisogno di un’assistenza di             assistito questo paziente e mi sono resa conto che troppo
 cazione dopo averti detto: “Sto male a vedere cosa è           zia nella pratica infermieristica, hai difficoltà a gestire      più elevata qualità a causa della sua condizione critica.             spesso, come fornitori di assistenza, siamo troppo presi
 successo a mia moglie.” La signora Nola sarà dimessa           queste componenti emotive della cura del paziente e sei          Constatare che la mia tutor era concorde con le mie pre-              a riempire cartelle e somministrare farmaci e possiamo
 a casa sua fra un giorno e ha bisogno di imparare a pren-      portata a voler rimproverare sia la paziente che il marito       occupazioni per questo paziente e che aveva affrontato                dimenticare quanto importanti siano alcune semplici
 dersi cura di sé per la ferita. Che cosa fai?                  per il loro comportamento di rifiuto di assistere a un           l’infermiera e la caposala mi ha fatto sentire molto meglio           misure come dare un tocco delicato, posizionare meglio
                                                                                                                                 sull’assistenza che il paziente avrebbe ricevuto in seguito.          il paziente, aiutarlo nel fornire l’igiene e nella cura delle
 1. Identificare l’obiettivo del pensiero                       semplice cambio di medicazione.                                  In seguito, ho detto alla mia tutor che mi sentivo frustrata          ferite e passare semplicemente del tempo assieme a lui.
   Determina il modo più efficace per garantire la cura                                                                          perché sentivo che tutta l’attenzione dell’infermiera si limi-                                Carrie Staines, Georgetown University
                                                                4. Consultare risorse utili
 delle ferite e allo stesso tempo aiutare la signora Nola ad
                                                                  Innanzitutto, devi comprendere la perdita e il lutto che       RIFLESSIONI SULLE COMPETENZE QSEN
 accettare la propria immagine di sé alterata.
                                                                la signora Nola sta vivendo che devi quindi collegare            Come pensi che reagiresti in una situazione simile? Per-              d’infermieristica ha convalidato il razionale per il risultato?
 2. Valutare l’adeguatezza della conoscenza                     alla sua reazione all’autocura della ferita. La migliore         ché? Che cosa ti dice questo su di te e sull’adeguatezza              Quali conoscenze, abilità e atteggiamenti devi sviluppare
   Circostanze pertinenti. La diagnosi di tumore è stata        fonte d’informazioni sul coping e sulle risorse di sup-          delle tue abilità nella pratica professionale? Quali fattori          per migliorare continuamente la qualità e la sicurezza
 formulata solo 1 giorno prima della rimozione chirur-          porto della signora Nola è la signora Nola stessa. Inoltre,      potrebbero aver influenzato la risposta dell’infermiera               dell’assistenza per i pazienti come il signor Everly?
 gica della mammella. La paziente deve essere dimessa il                                                                         assegnata al paziente? La studentessa sarebbe stata
                                                                devi discutere con il tuo tutor clinico e con il case mana-
                                                                                                                                 colpita da uno di questi stessi fattori? Sei d’accordo con            Assistenza centrata sul paziente. In questo scenario,
 giorno dopo. La ferita della mastectomia non è comple-         ger per determinare il modo più efficace per fornire la          i criteri per valutare un esito positivo? La studentessa              che cosa ti porterebbe a sospettare che il paziente è a
 tamente guarita e richiederà cambi di medicazione per          cura domiciliare della ferita alla signora Nola.
 altri 3 o 4 giorni. La signora Nola ha subìto un intervento
 chirurgico deturpante e deve affrontare non solo un cam-       5. Prendere la decisione
 biamento d’immagine del corpo, ma anche la diagnosi di           Dopo aver parlato con la signora Nola, il tutor e il
 cancro. Non è mai stata seriamente malata né ha subìto         case manager, sarete tutte d’accordo che la signora
 alcun intervento chirurgico prima. Ha un solido rapporto       Nola non può essere costretta ad accelerare l’accet-
 d’amore con il marito, ma non è in grado di affrontare la      tazione della diagnosi medica o i cambiamenti della
 sua deturpazione fisica in questo momento.                     propria immagine corporea. Il case manager si con-
   Conoscenze necessarie. Prima di decidere che cosa            sulta con il medico della signora Nola, il quale pre-
 fare in questa situazione, devi sapere qual è il livello
 di coping della signora Nola di fronte alla diagnosi di
                                                                scrive l’assistenza infermieristica a domicilio per i
                                                                successivi 4 giorni per eseguire il cambio di medica-
                                                                                                                                Imparate in che modo il pensiero critico può influire sui
 tumore. Se è ancora nella fase di negazione della pro-
 pria malattia, è probabile che stia anche negando la pro-
                                                                zione. Dopo aver parlato con la signora Nola, capisci
                                                                che lei è ancora nella fase di negazione dell’intervento.
                                                                                                                                risultati del paziente. Come l’assistenza infermieristica,
 cedura chirurgica e i cambiamenti nel proprio corpo.
 Devi rivedere le reazioni della paziente alla diagnosi
                                                                Discuti con lei la possibilità di ricevere visite da un
                                                                membro di un gruppo di sostegno per donne sottoposte
                                                                                                                                anche il pensiero critico e la pratica riflessiva seguono un
 di tumore, come pure le fasi di dolore e di lutto. Devi
 conoscere anche quali sono le sue risorse di supporto
                                                                a mastectomia. La signora Nola ti dice che le farebbe
                                                                piacere parlare con persone che hanno avuto lo stesso           processo. Studiate i box Guida al pensiero critico per
                                                                problema, e quindi ti offri di metterla in contatto con
 e in che modo può meglio accedervi e utilizzarle. Devi
 anche accertare qual è il modo migliore per aiutarla a         questa associazione. Quando dici alla signora Nola che          acquisire abilità nel processo di pensiero critico passo
                                                                nei prossimi giorni verrà a casa sua un infermiere per
 soddisfare il wound care di fronte al suo continuo rifiuto
 di guardare addirittura la ferita.                             cambiare la medicazione, le vengono le lacrime agli             dopo passo.
   Spazio per gli errori. Se è costretta a guardare la ferita   occhi. Lei dice: “Ho tanta paura; non so cosa fare.” Ti
 o è indotta a sentirsi inadeguata per la sua incapacità di     rendi conto che insistere per indurre la signora Nola
 farlo, la paziente si sentirà minacciata e molto probabil-     a cambiare da sé le medicazioni sarebbe stato estre-
 mente si arrabbierà in risposta alla minaccia percepita.       mamente stressante per lei e che avresti considerato
   Vincoli di tempo. Bisogna prendere una decisione             la ferita più importante della paziente. Quando esponi
 sulla cura delle ferite prima della dimissione della           questa situazione nella riunione con il tuo gruppo cli-
 paziente per il giorno successivo.                             nico, questi sostiene la tua decisione.
You can also read
Next part ... Cancel