Stories stories - Soave

Stories stories - Soave

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali REGIONE VENETO FEASR 17th -19th may 2019 PalaZZO DEL CAPITANO soave origin, style and values origin, style and values SOAVE stories SOAVE stories Soave Traditional Vineyards Officially recognized by FAO as a Globally Important Agricultural Heritage Site

Stories stories - Soave

3 soave stories S oave today is one of the most charismatic and dynamic winemaking regions of Italy. Over the last ten years, the producers of our appellation have radically changed Soave’s stylistic profile, viticulture and winemaking, in a great surge for quality.

The nuance of our terroir, the historical Cru vineyards, and the fascinating Garganega grape, make Soave a paradigm for understanding all serious, mineral Italian white wines. SOAVE ZONES The area of the Soave Classico zone stretches from the western edge of Soave town to Monteforte d’Alpone in the east. It climbs toward the northern hills of Lessinia. Our soils include both volcanic and limestone areas.

The area is still full of fascination and intrigue: the symbols of medieval kings, peasant devotion and ancient rivalries are still with us. Noble palaces, votive shrines, and gothic silhouettes dot our towns and hills, and are a call from our past for the thousands of farmers and winemakers working daily in Soave. The density of this cultural and historic heritage is key to understanding the rich expression of the Soave Crus. Soave Classico remains a fascinating puzzle: a patchwork of sub-zones and vineyards that are often not much more than a plot of one hectare. Each farmer or vigneron has a knowledge passed down through their family of the morphology and exposition of their own plot of land.

Soave is a sort of “Langhe in white” - with garganega instead of nebbiolo - where we can find the same culture of the vineyard, the same vocation to cru, the same diversity and individuality of farmers. SOAVE HISTORY Veneto’s history and identify has been shaped by the Catholic Church and by the Venetian empire. Our people remain hardworking and curious. There have been hard times of great poverty: the post-war era spawned the “arte di arrangiarsi”, a sort of “survival drive”. This determination to overcome adversity did bring wealth to the region, but also, at times, compromised the Venetian artisanal spirit.

In recent decades, after a runaway success and abrupt decline, Soave has returned once again to that artisan spirit. Farmers working their small plots stopped selling their grapes and started bottling the wines that best reflected their terroir. Even the larger wineries have mapped their Cru land, and are bottling from select single vineyards.

Today, we are tasting exemplary Soave wines with markedly different profiles even though cultivated and produced with similar techniques. ABOUT THE CRUS The eclectic garganega, the rich mosaic of volcanic and limestone soils, sometimes a touch of trebbiano di soave, are expressed in the Soave Cru wines that are contained herein: From the sinuous Costeggiola, the poetic Carniga and Sengialta, the black soil of Carbonare, the heroic terracing of Slavinus, the mighty Foscarino, the gentle slopes of Pressoni and to the the continental coolness of Salvarenza.

SOAVE STYLE As much as the different personalities of the winemakers, the terroir gives wines with structure and “sapidità” – a stimulating richness of flavour.

The late ripening garganega allows for diversity of style and weight, from the very fresh and floral, to the rich sweet nectar of a Recioto di Soave. SOAVE RESEARCH Over the last ten years, the Consortium has worked tirelessly with scientists, universities, agronomists, and enologists, and in cooperation with wineries, to begin to “measure” the differences and similarities in Soave’s Cru wines. We have opened our horizons beyond our hills to create a network with other volcanic wine regions world-wide.

INTRODUCING SOAVE ITALIA REGIONE VENETO ESSENTIAL SOAVE - ALL THE NUMBERS WHERE? ITALY VENETO SOAVE THE GRAPES Garganega 70-100% Trebbiano di Soave 0-30% THE RULES MUNICIPALITIES WINEMAKERS FARMS HECTARS OF VINEYARD BOTTLERS 7000 190 13 50 2870 VINEYARDS GERMANY ITALY WORLD - OTHERS UK USA EUROPE - OTHERS USA EUROPE - OTHERS WORLD - OTHERS ITALY UK GERMANY OTHERS TREBBIANO DI SOAVE PINOT GRIGIO CHARDONNAY GARGANEGA 6171Ha 249Ha 218Ha 260Ha 102Ha TREBBIANO DI SOAVE CHARDONNAY PINOT GRIGIO GARGANEGA OTHERS THE MARKET THE BOTTLES 2018 30.000.000 12.000.000 420.000 150.000 665.000 120.000 SOAVE DOC SOAVE DOC CLASSICO SOAVE DOC SPUMANTE RECIOTO DOCG DI SOAVE SOAVE SUPERIORE DOCG SOAVE DOC COLLI SCALIGERI 25% GERMANY 12% ITALY 15% UK 23% WORLD-OTHERS 12% EUROPE - OTHERS 8% USA

Stories stories - Soave

4 5 soave stories soave stories Dalle ore 9:00 Benvenuto e sistemazione in hotel (i transfer saranno organizzati dall’aeroporto Venezia e dall’aeroporto di Verona e dalla stazione ferroviaria di Verona) Dalle ore 12:30 Brunch alla Residenza ai Capitelli, Via Covergnino 17 - 37038 Soave | +39 045 6190913 | www.locandaaicapitelli.com Ore 15:00 Soave Traditional Vineyard: Dal primo paesaggio rurale di interesse storico al riconoscimento come patrimonio agricolo globale da parte della FAO. Un racconto tra le vigne con Chiara Mattiello e i produttori del Soave.

Soave Seven: la riflessione Ore 17:00 “Italy’s finest white-communicating confident Soave” by Sarah Abbott e Chiara Mattiello Ore 17:30 “Trebulanum”: la Garganega, il Trebbiano e la longevità.

Ermanno Murari - agronomo, ci guiderà in un viaggio alla scoperta del Trebbiano di Soave. Introduzione alla degustazione con Paolo Menapace - Pres. Strada del Vino Soave. Con la partecipazione di alcuni produttori di Verdicchio. Ore 18:30 Soave Seven: la degustazione. 28 produttori presentano in verticale i loro vini delle annate 2011 e 2018. Ospiti le aziende del Verdicchio.

Ore 20:30 Cena VENERDÌ 17 MAGGIO SABATO 18 MAGGIO Ore 9:30 Soave longevità – Le vigne, gli uomini e il tempo 10 racconti nel calice con Kerin O’Keefe, responsabile per l’Italia dell rivista Wine Enthusiast, una delle giornaliste del vino più influenti al mondo e Sandro Gini, presidente del Consorzio del Soave. Ore 12:00 Light lunch. Per chi desidera pausa in hotel. Ore 15:00 Incontriamo le aziende - visite tematiche. Ore 18:00 Presentazione del nuovo video “A Soave story” 2009 – 2019. 10 anni di Vulcania. Da Soave a New York Con John Szabo e Chiara Mattiello. L’esperienza di Vulcania, l’origine, il percorso e il futuro del progetto Volcanic Wines.

Ore 20:00 Cena di arrivederci FRIDAY 17TH MAY Daytime: Arrival and transfer to the Roxy Plaza Hotel. Roxy Plaza Hotel: 4 Via San Matteo - 37038 Soave | +39 045 619 0660 | www.hotelroxyplaza.it/en/ 12.30 pm - 2.30 pm: Brunch at Residence Ai Capitelli.

Via Covergnino 17 - 37038 Soave | +39 045 6190913 | www.locandaaicapitelli.com 3.00 pm: “Soave Traditional Vineyard”. A stroll in the vineyards with Chiara Mattiello of Consorzio Soave and Soave producers to understand how viticulture has deeply shaped local hills, finally allowing Soave to be awarded as 1st Historic Rural Landscape in Italy. Most recently, FAO has included Soave amonsgt the Globally Important Agricoltural Heritage Systems. GIAHS are outstanding landscapes of aesthetic beauty that combine agricultural biodiversity, resilient ecosystems and a valuable cultural heritage. Soave Seven 5.00 pm: “Italy’s finest white-communicating confident Soave” by Sarah Abbott and Chiara Mattiello 5.30 pm: “Trebulanum”.

Let’s discover Trebbiano di Soave, the other spokesgrape f Soave, along with Gaganega. 6.30 pm: Soave Seven: tasting.

28 Soave producers will have on taste their Soave 2011 and 2018 vintage. 8.30 pm: Gala dinner SATURDAY 18TH MAY 9.30 am: “The ageability of Soave – Vineyards, People, Time” Wine Enhusiast’s Italian Editor Kerin O’ Keefe and Sandro Gini, Chairperson of Consorzio Soave, will lead the audience through a tasting of 10 special samples. 12:00 pm: Light lunch. Relax at the hotel. 3.00 pm: Visit of one of Soave wineries. 6.00 pm: The new video “A Soave story” by Pierre Le Hong “2009 – 2019. Ten years of Vulcania”. John Szabo MS and author of “Volcanic Wines. Salt Grit and Power” together with Chiara Mattiello of Consorzio Soave will lead the audience through a ten-year jouney that has started in Soave and heads to New York.

We’ll go back to Vulcania project, in order to understand the origin of the volcanic wine trend and will then move on to see what has happened in this decade and what lies ahead.

8.30 pm: Dinner PROGRAMME PROGRAMMA

Stories stories - Soave

6 7 soave stories soave stories Aldo Lorenzoni Direttore Consorzio Vini Soave L ate last year, Soave was officially accepted as the 58th Globally Important Agricultural Heritage System by the Food And Agriculture Organization of the United Nations. Our thoughts went immediately to the over 3.000 families that work the land on the vineclad hills of Soave. Ours is a story that’s been passed down from generation to generation over the centuries. Tradition has provided the framework for innovation and the regeneration of a rural system of agriculture that has remained remarkably successful and intact despite the continuous evolution of international wine markets, and the threats posed by urban sprawl and postwar industrialization.

  • We are now at a crucial moment in the modern-day history of the denomination. The third generation winemakers are taking the helm, and so it seems the perfect time to take stock of what Soave is today, and imagine future scenarios. This is why we decided to call this new conference Soave Stories: an in-depth look at what the denomination has accomplished in nearly a century.
  • One of the first Italian wine regions that courageously and successfully forged new markets around the world
  • The first in Italy to speak about the longevity of Italian white wine
  • In a system of territorial based Consortia, Soave was the first region to think outside the box and reach out to other Italian volcanic wine regions, forming the first association of Italian Volcanic wines. Today, Volcanic Wines is a brand concept with global reach.
  • Soave has been the incubator of countless projects regarding sustainable viticulture and climate change.

We have also been acutely aware of the balance needed to face the challenges of preserving our landscapes without remaining insensitive to the economic challenges of hillside viticulture. Over the course of two days, we hope to speak about our essence and what it means to be Soave. The denomination still has so much to tell, starting from the producers, who for the first time will show their wines in a unique comparative format at Soave Seven. The experts who know us best and who have helped us build our identity will join us. We’ll also speak about the Soave terroir, which OIV explains, “as containing specific soil, topography, climate, landscape and biodiversity”, and is what we translate into our unique white wine each year.

Tenacity and organizational efficiency have been at the heart of a system that continues to unite a very fragmented production; to maintain focus on white wines and native grapes, garganega and trebbiano di soave; and to guarantee adeguate economic returns to its shareholders. Small companies, able entrepreneurs and virtuous cooperatives have created a Soave that is agile and able to analyze and stay a step ahead of the challenges of Italian wine in markets here and abroad. The research carried out in the vineyards and in the cellars is always part of holistic approach to understanding how we can continue to improve our production.

These factors combined with flexibility, managing production, and longterm planning will keep Soave on a well-balanced and positive trajectory. SOAVE. A STORY OF IDENTITY Q uando nel 2018 il Soave è stato riconosciuto come Patrimonio Agricolo di Rilevanza Mondiale, subito il pensiero è andato alle 3000 famiglie che ogni giorno coltivano le nostre colline. Quella del Soave è una storia che è stata raccontata molte volte nei vari secoli che hanno tracciato la strada di questa denominazione figlia di una caparbietà di continuare le tradizioni che ci hanno portato al successo avuto nei mercati di tutto il mondo e che ancora oggi continua pur nel continuo veloce evolversi del mercato del vino.

Siamo a un momento importante del nostro viaggio, dove la terza generazione di produttori che si sta affacciando sta dimostrando una forte consapevolezza nei propri punti di forza, avendo comunque alle spalle l’esperienza di chi è venuto prima. Abbiamo voluto chiamare questo nuovo appuntamento Soave stories per raccontarvi quello che siamo alla luce delle sfide e dei successi avvenuti in quasi 100 anni di storia della denominazione che prima fra tutti ha avuto il coraggio in Italia di aprire nuovi mercati, parlare di longevità dei vini bianchi, riunire sotto un unico marchio collettivo i territori vulcanici italiani.

Da Soave sono iniziati tanti progetti innovativi sulla sostenibilità ambientale, alcuni di essi realmente pionieristici, con un’attenzione a quelle tematiche che spesso la viticoltura moderna tende a dimenticare salvo poi ritrovarsele davanti quando il clima ci fa capire che è la natura e non l’uomo che comanda. In questi due giorni vogliamo assieme a voi parlare della nostra essenza, del nostro essere Soave e di come la nostra denominazione ha ancora tante storie da raccontare, a partire da quelle dei nostri produttori che avrete modo di conoscere per la prima volta attraverso un evento come Soave Seven.

E poi lasceremo la parola a grandi esperti che in questi anni hanno potuto conoscerci e ci hanno aiutato a costruire la nostra identità; Il terroir Soave, quello che la OIV dice che “comprende una specificità di suolo, di topografia, di clima, di paesaggio e di biodiversità” e che noi traduciamo tutti gli anni nel nostro vino bianco.

Determinazione ed efficienza organizzativa hanno di fatto consentito a una produzione molto frazionata di costruire un sistema che ha saputo restituire negli anni reddito e soddisfazione per i produttori senza perdere mai di vista la propria vocazione bianchista da vitigni autoctoni come la Garganega e il Trebbiano di Soave. Piccole aziende, imprenditori capaci e cooperative virtuose hanno disegnato nel tempo un Mondo Soave che analizza, affronta e si confronta con tutte le più grandi sfide del vino italiano.

La ricerca nel vigneto e in cantina vista non come fine a se stessa ma come bagaglio di conoscenze o di certezze per perseguire sempre nuovi obiettivi produttivi.

Questi sono i fattori fondamentali che insieme alla flessibilità, alla lungimiranza organizzativa e a un’attenta gestione delle produzioni, consentono al sistema di poter continuare a perseguire sempre nuovi obiettivi. SOAVE. UNA STORIA DI IDENTITÀ Sandro Gini Presidente Consorzio Vini Soave Z onazione, identità produttiva, competizione enologica, longevità, suolo vulcanico, paesaggio, cambiamento climatico e sistemi di allevamento sono i contenuti forti che hanno caratterizzato in modo, spesso lungimirante ed innovativo, la chiave di lettura delle anteprime del Soave.

Il merito del Soave, che è una denominazione tra le più storicizzate del panorama italiano, è quello di aver interpretato quasi da subito (anticipando mode e modi) queste manifestazioni come un’occasione per testimoniare i risultati raggiunti e le visioni sulle prospettive future del sistema vitivinicolo e della denominazione. Soave Wine Top – Soave Days – Tutti I colori del Bianco – Vulcania – Soave 3D – Volcanic wines e Soave Preview sono stati negli ultimi anni i brand caratterizzanti di una serie di eventi che hanno voluto raccontare in modo itinerante il grande lavoro fatto in vigna ed in cantina dalle aziende ed i tanti stimoli proposti, con innovazione e continuità, dal consorzio di tutela.

Ciò ha permesso negli anni al Soave, pur in un contesto competitivo sempre più dinamico, di essere riconosciuto come punto di riferimento per comunicatori italiani ed esteri. Punto di forza di questa “visione” è quello di aver da sempre creduto in una apertura globale coinvolgendo sui vari temi aziende, consorzi ed istituzioni, anche non del territorio. Risulta quindi evidente come il contenuto è stato privilegiato al contenitore con coraggio ed il coinvolgimento è stato globale per consentire ai nostri produttori un importante confronto, consentendogli di crescere in valore e consapevolezza.

Questa costante lungimiranza ha consentito al Consorzio del Soave di attivare per primo importanti riflessioni sui temi forti della longevità dei vini bianchi, sul paesaggio, sulla biodiversità e sulla sostenibilità reale del sistema produttivo e far riconoscere dal Ministero dell’Agricoltura il Soave come primo paesaggio rurale di interesse storico e dalla FAO, il riconoscimento delle vigne tradizionali del Soave come patrimonio agricolo di rilevanza mondiale.

SOAVE STORIES diventa quindi l’occasione per comunicare, senza mediazioni legati a stagionalità ed interpretazioni enologiche, i punti di forza e d’identità della nostra denominazione.

La prima giornata, come da programma allegato, avrà quindi come tema centrale il riconoscimento FAO che certifica oltre ogni dubbio il nostro comprensorio come il più sostenibile in senso globale e la longevità del Soave, tema da sempre caro al Consorzio. Soave Seven diventa infatti l’occasione per tutti i produttori che hanno investito in questa direzione di presentare i loro vini in microverticali mettendo a confronto il vino oggi in commercio con lo stesso vino prodotto almeno 7 anni prima.

La seconda giornata sarà invece declinata sulle diverse espressioni territoriali della denominazione, oggi valorizzata nelle 33 unità geografiche aggiuntive inserite nel disciplinare di produzione, e nella celebrazione dei primi dieci anni del progetto “Volcanic Wines” proiettando un ideale ponte tra Soave e New York, dove il prossimo giugno si terrà la 2° conferenza internazionale dei vini vulcanici di tutto il mondo.

Soave Stories 2019 sarà quindi una importante occasione per tutti i giornalisti e i produttori di partecipare da autentici protagonisti ad un evento in continua evoluzione.

SOAVE STORIES - UN FORMAT DINAMICO Z oning, production identity, oenological competition, longevity, volcanic soil, the landscape, climate change and training systems are all major themes that have characterized the Soave Previews, in an often forward-looking and innovative way. Soave, which is one of the most historicized appellations on the Italian panorama, gets the credit for having seen, since the very beginning, (anticipating trends and behaviour) these events as opportunities to showcase results achieved and the vision of future prospects for the wine and appellation. In recent years, stand-out itinerant events, such as Soave Wine Top, Soave Days, Tutti I Colori del Bianco, Vulcania, Soave 3D, Volcanic Wines and the Soave Preview have showcased the great work done in the vineyards and in the cellars and the many incentives offered, with innovation and continuity, by the Consortium.

Over the years, this has allowed Soave to become the gold standard for Italian and foreign communicators even in an ever more dynamic and competitive context. What makes this “vision” so important is that there has always been a belief in being open globally, involving various themes from companies, consortiums and institutions, even those that are not local. So, it is clear that these events boldly focused on the product and involvement was all-embracing to give our producers the opportunity for an important exchange of ideas and the chance to increase their value and knowledge.

This constant forward-looking philosophy has allowed the Soave Consortium, first and foremost, to inspire meaningful conversations about important topics, such as the longevity of white wines, the landscape, biodiversity and the actual sustainability of the production system, and to show how Soave was able to gain recognition as one of the most important rural landscapes in terms of history by the Ministry of Agriculture and how its traditional vineyards were recognized as a Globally Important Agricultural Heritage System by the FAO.

SOAVE STORIES is thus an opportunity to talk about our appellation’s identity and its strengths, without any concessions in terms of seasonality or oenological interpretations. The first day, as seen from the attached schedule, will thus focus on the FAO recognition, which certifies, without a shadow of a doubt, that our district is the most sustainable globally as well as the longevity of Soave, a topic we hold very close to our hearts.

Soave Seven has also become an opportunity for all of the producers who invested in this path to present their wines in a small vertical tasting of wines from the most recent vintage and from seven years prior. The second day will feature many local interpretations of the appellation, valorised today in the thirty-three added geographical mentions included in the production regulations. We will also celebrate the first ten years of the “Volcanic Wines” project, creating an ideal bridge between Soave and New York, where the 2nd international conference on volcanic wines from around the world will be held.

Soave Stories 2019 will thus be an important opportunity for journalists and producers to participate as true leaders in a continually evolving event.

SOAVE STORIES – A DYNAMIC FORMAT

Stories stories - Soave

8 9 soave stories soave stories N el Soave coesistono concetti ampiamente condivisi come storicità, territorio, pergola, Garganega, ma per chi ha voglia di approfondire le dinamiche che animano questo comprensorio sin dalla sua origine è stimolante confrontarsi con le tante sue diverse espressioni. Conoscere oggi veramente il Soave significa quindi non solo essere affascinati dal suo particolare paesaggio viticolo, ma soprattutto capire come questa apparente armonia sia il risultato di un costante e spesso combattuto confronto tra progetti ed obiettivi molto diversi, spesso antitetici.

Esperienze in costante confronto in grado di rigenerare continuamente il Sistema Soave. In vigna le dinamiche che si oppongono sono la storica zona classica alla più giovane area del Soave D.O.C., i progetti impostati sulla selezione di ogni singolo cru ad una visione più flessibile legata ad una selezione delle uve, il confronto tra la pergola soavese e gli altri sistemi di allevamento a parete, la limitata ma dinamica presenza di vitigni complementari ad una visione più rigorosa che privilegia l’utilizzo della Garganega in purezza.

Anche la sensibilità ambientale sempre condivisa trova declinazioni diverse a seconda dei percorsi attivati in azienda: dalla difesa integrata alla viticoltura biologica o biodinamica, dalla biodiversità all’etichetta verde.

Se la competizione si sposta in cantina, le dinamiche conflittuali vanno dallo stile di vinificazione (riduzione o iperossigenazione) all’uso o meno di lieviti selezionati, all’affinamento rigorosamente in acciaio o all’indulgere nell’uso delle grandi botti di rovere.

Fino al prodotto finale caratterizzato da profili più o meno speziati, minerali, freschi o complessi, ma comunque tutti vini ineccepibilmente riconducibili allo stile Soave. Spostandoci prima in cucina e poi a tavola sarà facile cogliere tutta la versatilità di questo vino sia con i piatti più articolati ed originali proposti da grandi chef, che più semplicemente con i sapori più immediati della tradizione. Sul fronte sociale e organizzativo la partita si gioca tra cantine cooperative e piccole aziende, tra uomini e donne, tra tradizione ed innovazione in un continuo divenire, che però nel corso dei decenni ha contribuito a definire la distintività del territorio e l’identità del vino.

Ciò che più di tutto anima e stimola oggi il confronto tra i produttori è l’origine del suolo su cui sono coltivati i vigneti. Dai suoli neri e rossi di origine vulcanica ai suoli bianchi o gialli di origine calcarea. UN CONFRONTO CONTINUO I n Soave there exist lots of widely shared concepts, such as historical significance, terroir,thePergolasystemandtheGarganega grape, but for those who wish to delve deeper into the dynamics that have governed this denomination ever since its beginnings it is stimulating to deal with its many diverse expressions.

Today, really knowing Soave means, therefore, not only being charmed by its particular viticultural landscape, but especially understanding how this apparent harmony is the result of a constant and often hardfought debate between very different (and often antithetical) projects and objectives: experiences that are continuously being compared so as to keep on regenerating the Soave System.

In the vineyards, the dynamics that confront each other are the historic Classico zone as opposed to the more recent area of D.O.C. Soave; projects based on selection in individual crus or a more flexible approach linked to selecting the best grapes; a comparison between the local Pergola and “new” espalier training systems; or the limited but nonetheless significant presence of complementary varieties as opposed to a more rigorous vision of making wines exclusively from Garganega grapes.

Sensitivity to environmental issues tends to be shared, but finds different responses according to the choices made by each individual producer: from integrated pest management to organic or biodynamic viticulture, from biodiversity to the “Green Label”. When this competition transfers to the winery, the dynamics of conflict vary from the style of vinification (reduction or hyper-oxygenation) to whether or not to use selected yeasts, from maturation carried out only in stainless steel or indulging the use of wooden barrels. The profile of the end product may be more or less spicy, mineral, fresh or complex, but all of the wines – without exception – reveal a recognizable Soave style.

If we move first into the kitchen and then to the dining table, it is easy to appreciate the versatility of this wine both with the more complex and original dishes offered by great chefs and with the simpler, more immediate flavours of traditional cuisine. From a company and organisational point of view, there is competition between the cooperative wineries and the small producers, between men and women, between tradition and innovation. The scene is constantly changing, but over the course of the decades it has succeeded in defining the distinctive characteristics of the zone and the identity of its wine.

Today, what perhaps animates and stimulates discussion between producers most of all is the origin of the soil on which their vines are cultivated: from black and red soils of volcanic origin to white or yellow terrain of calcareous origin. AN AREA OF CONSTANT DEBATE L e vigne tradizionali del Soave sono entrate a far parte dei Patrimoni agricoli di rilevanza mondiale nel novembre 2018 dopo un lungo percorso iniziato 10 anni fa. Sono solo 57 i siti GIAHS in tutto il mondo, paesaggi di straordinaria bellezza che combinano la biodiversità agricola, ecosistemi resilienti e patrimoni culturali di inestimabile valore.

Situati nei 5 continenti, provvedono in maniera sostenibile alla vita di migliaia di agricoltori. Questisistemisonominacciatidaicambiamenti climatici e dalla continua competizione per accaparrarsi le risorse naturali. Questi sistemi sono la base dell’agricoltura futura e contemporanea, e incubatrici di progetti di innovazione tecnologica. La loro diversità culturale, ecologica e agricola li rende unici e irripetibili.

Con il riconoscimento GIAHS-FAO per il Soave, sono stati tutelati come patrimonio dell’umanità i tratti distintivi di questo territorio che sono la pergola veronese, il sistema delle sistemazioni idrauliche fatto di muretti a secco e terrazzamenti (riconosciuti ieri tra l’altro dall’Unesco come patrimonio immateriale), l’appassimento e il Recioto di Soave e l’organizzazione sociale fatta dai 3.000 viticoltori riuniti in una cooperazione virtuosa, che ogni giorno con fatica coltivano le uve che crescono sui suoli vulcanici e calcarei della denominazione. Le colline del Soave sono un sistema agro-economico che da 200 anni fornisce sostentamento economico a un gran numero di famiglie (oltre 3.000).

La viticoltura è completamente orientata alla produzione di un vino tipico, il Soave DOC, che è uno dei più famosi vini bianchi italiani, esportato in 80 paesi in tutto il mondo.

Oltre ad esso c’è una piccola produzione di un prodotto tipico chiamato Recioto di Soave che è realizzato con l’antica tecnica di appassimento dell’uva, che trova le sue radici dal Medioevo. Valori e tradizioni centenari, tramandati di generazione in generazione e che oggi sono ancora vivi e portati avanti dai giovani che si stanno affacciando su questo mondo. Pur essendo caratterizzato da piccole o micro proprietà, è riuscito a rimanere competitivo grazie alla cooperazione e all’innovazione. Questo è il ruolo attivo del Consorzio del Soave e del sistema cooperativo che fa sì che questa aggregazioneavvengaeprosperi.Soaveèora un sistema economico circolare, in cui vivono circa 3.000 famiglie e crea un’economia correlata che coinvolge più di 10.000 persone.

Suoli,esposizionieclimadefinisconoun’identità peculiare e originale.

Tutti questi fattori combinati con la forte determinazione dei viticoltori a continuare questo tipo di viticoltura nonostante tutte le difficoltà rendono il sito GIAHS proposto un esempio di conservazione di un sito agricolo tradizionale, riconosciuto come il primo paesaggio storico rurale italiano per le sue caratteristiche invariate all’interno un secolo. I VIGNETI TRADIZIONALI DEL SOAVE S oaveTraditionalVineyardswerenominated a Globally Important Agricultural Heritage System in November 2018 after a long journey that began ten years ago. There are only 57 GIAHS sites in the world and they are extraordinarily beautiful landscapes that combine agricultural biodiversity, resilient ecosystems and invaluable cultural heritage.

Located on the world’s continents, they sustainably maintain thousands of farmers. These systems are being threatened by climate change and by the constant competition to snap up the world’s natural resources. They are the foundation of the present and future of agriculture, and hotbeds of technologically innovative projects. Their cultural, ecological and agricultural diversity makes them one of kind and unique. Thanks to Soave’s GIAHS-FAO recognition, distinctive traits of the area have been protected as Heritages of Humanity, such as the Pergola Veronese vine training system, the hydraulic system made of short dry walls and terracing (recognized just yesterday as a UNESCO Intangible Cultural Heritage of Humanity), the grape drying process local to the area, Recioto di Soave, and the social organization made up of 3,000 winemakers, united in an exemplary cooperative that every day tirelessly cultivates grapes grown in the volcanicandcalcareoussoilsoftheappellation.

The Soave hills are an agro-economic system that have been providing economic support to a large number of families (over 3,000) for two-hundred years. Viticulture is totally aimed at the production of Soave DOC, a local wine and one of the most famous Italian whites, exported in over eighty countries around the world. In addition, there is a small production of a traditional product called Recioto di Soave, which is crafted using ancient grapedrying techniques, rooted in Medieval times. Centuries-old values and traditions are being handed down from generation to generation, and are still alive today, continued by young people who are just starting out in this world.

Even though the area features many small and micro properties, they have been able to keep in line with the competition thanks to cooperation and innovation. This is the dynamic role of the Soave Consortium and the cooperative effort that makes everything happen and thrive. Soave has become a circular economy in and of itself in which about 3,000 families survive and has created a spinoff economy that includes more than 10,000 people. Soils, exposure and climate outline an original and unique identity.

All these factors combined with the strong determination of winemakers to continue this type of viticulture despite all the difficulties make the GIAHS site proposal an example of the conservation of a traditional agricultural site, recognized as a top Italian rural historical landscape, thanks to characteristics that have remained unchanged for over a century. SOAVE TRADITIONAL VINEYARDS FRIDAY 17TH MAY

Stories stories - Soave

10 11 soave stories soave stories A Soave si è iniziato a parlare di longevità dei vini bianchi già nei primi anni 2000 con la manifestazione “Tutti i colori del bianco”.

Allora in pochi scommettevano sul fatto che un vino bianco potesse essere consumato a qualche anno dalla vendemmia, figurarci dopo 10 anni. Eppure l’evoluzione dei vini bianchi, la terziarizzazione, alcune volte accompagnata dall’elevazione ma spesso sorprendentemente no, è uno dei fenomeni enologici più interessanti. Il ruolo chiave della micro ossigenazione nel cambiamento del pattern aromatico, il presentarsi di profumi appena accennati o preponderanti di pietra focaia, di kerosene, di brezza marina accostati alla frutta che matura nel calice, si affina, diventamanmanopiùesoticaèun’esperienza sensoriale che soddisfa il naso e il palato.

Un modo non solo per cambiare il racconto del vino bianco, ma fare in modo che abbia la stessa possibilità di essere conservato nelle cantine dei ristoranti per potere apprezzare di anno in anno i cambiamenti e valorizzare il lungo lavoro di viticoltura ed enologia dei produttori. Soave Seven è la dimostrazione che il Soave rientra in un olimpo privilegiato, al pari dei grandi esempi d’oltralpe e italiani di un vino capace di creare continuamente emozioni, prendendosi rivincita del tempo. Vogliamo condividere questo viaggio con voi, farvi divertire nel “mettere il naso” nei bicchieri e darvi modo di scoprire le potenzialità del Soave.

LA LONGEVITA’ DEL SOAVE S oave began talking about the longevity of its wines nearly two decades ago with the novel wine tasting event “All the Colors of White”. Few in the wine world were willing to bet on a white wine that could still be enjoyed after a few years in the cellar, much less after a decade. Instead, the evolution of white wines, the tertiary aromas, sometimes accentuated but surprisingly just as often are not, remains a fascinating enological phenomena. To understand the key role of microoxygenation and how it affects the aromatic pattern; to appreciate the appearance of barely perceptible or preponderant aromas of flint, of kerosene, of sea breeze combined with fruit that ripens in the glass; to observe how the wine becomes more refined and more exotic in a sensorial discovery that intrigues nose and palate.

Bringing these topics to a tasting helps us change the story of white wine. We need to tangibly demonstrate the value of the viticultur and enology of our producers if we hope to convince wine cellar an restaurant owners that stocking back vintages is a worthwhile proposition. Soave Seven is the demonstration that Soave is part of a privileged Olympus, on par with other great age-worthy wines from Italy and beyond. Take a leap back in time, dive deep into the glass and discover for yoursel the true potential of Soave.

SOAVE LONGEVITY R arely can we find a variety so intensely rooted in the geology, the history and the geography of a denomination.

Before Trebbiano di Soave crossed over into other territories to define original wines expressive of a newfound terroir, it was and is, the chosen terroir of Soave with its volcanic hills, where you will find its story. The vine has had a complex and at times conflictual relationship with local producers, especially over the last century. The history of the the variety will be explained in another chapter. Here, we’d like to explain the profound ties between the vine grower and the environment, witnessed from the vantage points of the growers, the winemakers and researchers. So much so, that it will be easy to understand how Trebbiano di Soave and Garganega became the protagonists of a new era of of winemaking after the plagues of phylloxera, powdery mildew and downy mildew that besieged the vineclad hills of Soave.

The rebuilding of the vineyards and winemaking was carried out with such vehement determination to remain faithful to the original varieties that already in 1931, the vine-clad hills of Soave became the first wine region in Italy to be officially recognized as a “typical” quality Italian wine by royal decree. To tell the truth, this recognition is just one milestone in an ongoing process of research and qualification. In 1983, the scientific publication Gazzetta Chimica Italiana published a the results of a series of analyses carried out in Soave, with an interesting introduction by Prof. Giovanni del Sie.

Along with a description of the geology of Soave, he comments . . formed by a large part of rocks of volcanic origin, such as basalt, tuffs, basaltic slag ... resulting in volcanic breccias from the smoothing of which a silica predominant arable land formed where Garganiche and Trebbiane thrive and result in wines that stand out for color, austerity and longevity...“ In 1900, during the Verona Expo, Giovanni Battista Perez completed the ampelographic description of the area: “these priceless and heatconserving fields, well-exposed, maintain a useful warmth in the vineyards ... At altitudes that rise up to just 500 meters above sea level, they are jubilantly seized by the white Trebbiane and Garganeghe that give forth amber, table and superior wines ...

These municipalities measuring a total area of 8,000 hectares consecrate 5,000 to the vine, of which, 2700 are flat and 2300 in the hills “ .

These numbers almost correspond to the hectares cultivated today. Perez continues . the wines of Soave are generous and flavorful at mealtime, when prepared with Trebbiano di Soave, while sweeter, gracious for appetizers if made with Gargano ... The best results are obtained by mixing two third parts of Trebbiano di Soave and one of Garganega “ . R aramente in Italia troviamo un vitigno così intensamente radicato nella geologia, nella storia e nella geografia di una denominazione di origine. Il Trebbiano di Soave prima di trasmigrare verso altri territori definendone produzioni enologiche originali e fortemente territoriali, trova nel suo territorio di origine, ovvero le colline vulcaniche e calcaree del Soave, il suo ambiente d’elezione ed in questi luoghi racconta il suo vissuto intenso fatto di un rapporto complesso a volte conflittuale a volte passionale con i produttori di questa zona soprattutto negli ultimi cento anni.

Al di là della storia di questo vitigno (che descriviamo in altro capitolo) ci interessa qui evidenziare il profondo legame tra cultivar ed ambiente, testimoniato sia dal punto di vista viticolo che enologico da numerosi ricercatori, tanto che il Trebbiano di Soave diventa con la Garganega il protagonista della rifondazione viticola delle colline del Soave dopo le ferite inferte anche a questo territorio da filossera, peronospora ed oidio. La ricostruzione viticola sarà in queste colline così decisa, veemente ed in sintonia con la vocazionalità dei vitigni originali da far riconoscere con regio decreto già nel 1931, primo in Italia, le colline vitate del Soave come vino tipico.

Per la verità questo riconoscimento è frutto di un percorso di ricerca e qualificazione che da allora non è mai venuto meno. Nel 1983 vengono infatti pubblicati sulla Gazzetta Chimica Italiana i risultati di una serie di analisi fatte sul Soave, accompagnati da una interessante introduzione a cura del Prof. Giovanni del Sie dove accanto alla descrizione del territorio “...formato da buona parte di rocce d’origine vulcanica, come basalto, tufi, scorie basaltiche... risultandone brecce vulcaniche dallo smussamento delle quali si formò un terreno coltivabile a predominio di silice dove prosperano rigogliose Garganiche e Trebbiane ed il cui vino si fa notare per il colorito, l’austerità e la durevolezza...” Nel 1900, in occasione dell’esposizione di Verona, sarà Giovanni Battista Perez a completare la descrizione ampelografica dell’area: “questi campi facilmente impregiabili e conservatori del caldo, ben esposti, mantengono un tepore utile alla vigna...Di queste alture sino al livello di poco più di 500 metri sul mare si sono impossessate giubilando le bianche Trebbiane e Garganeghe per averne vini ambracei, da pasto e superiori...Questi comuni misuranti un’area totale di 8 mila ettari ne consacrano 5 mila alla vite dei quali 2700 in piano e 2300 in collina...”.

Sono praticamente gli ettari interessati alla coltivazione del Soave ancora oggi. Perez continua: “... i vini di Soave sono generosi, di gusto e da pasto, quando allestiti con il Trebbiano di Soave mentre più dolci, graziosi e da antipasto se fatti a base di garganiche...I migliori risultati ottengasi TREBULANUM IL TREBBIANO DI SOAVE sarah abbott ermanno murari paolo menapace FRIDAY 17TH MAY

Stories stories - Soave

12 13 soave stories soave stories At the turn of the century, along with the threats posed by nature with the disease plagued veronese vineyards, another threat was posed by fraud and the inappropriate use of names.

In 1924, a first vote was passed to protect and defend typical Italian wines, and two years later on May 13, 1926 the first Consortium for the protection of “Vino Tipico Soave” was founded under the presidency of Cavalier Enrico Perezzan. The Conegliano Institute of Viticulture began a thorough study that outlined the specificities of the wines and established the boundaries of the productions area, which coincides with today’s definition of the CLASSICA area of Soave.

Unfortunately the law that was voted upon was not made official due to some technical flaws and the debate continued until officially put into Law 1164 in 1930. At this point, it seemed that the disagreements and uncertainty had been overcome. In fact a first group of prized Italian wine regions thought they had finally found protection under the law. Among the veronese wines, Soave was the only region to officially obtaintheproductionareazoningbytheAgriculturalMinistry(bydecree D.M 23 October 1931). The zoning proposals made by the Conegliano Viticulture study were agreed upon unanimously.

Thedecree,asinthecaseofmanyotherfinewineregions,wassoflawed as to be impossible to enforce and made any attempts at creating an effective Consortium useless. There were no obligations for producers to enrol, and there were no sanctions for breaking the production rules. Those not in the Consortia tended to undercut prices. Thus, there was a total reform of the the 1931 laws.

In 1939 Prof Italo Cosmo of the experimental Station at the Conegliano Institute describes a production scenario in rapid evolution, “...Today in the hills of Soave, characterized by white grapes, we find ourselves in front of intensive and specialized viticulture...the “pergola” trellising are open and the heads of the fruit spawn new growth from the curving... in the beginning, when there was the re-establishment on American rootstock, the Rupestus du Lot and the 4IB were predominant, instead, today there is the 420A... The vines needed in Soave are Garganega and Trebbiano di Soave, both undoubtedly prestigious...” “...We also noted that in the zone of Soave there has been a shift in the proportions of plantings of Garganega, now 70-80% and Trebbiano di Soave around 10-20%.

Undoubtedly the fertility and the disease resistance has favored the diffusion of Garganega. However if the sunnier and more ventilated slopes are left to Trebbiano di Soave, we’ll always have healthy grapes and very high quality wines.” After an experimental comparison between Trebbiano di Soave and Trebbiano Toscano, Prof. Cosmo concluded that for some of the new plantings in Soave there should be a proportion of 50% Trebbiano di Soave and around 40% Garganega.” Prof. Italo Cosmo also provides some technical oenological advice for the “fine” Soave wines, “...In the zones of Soave - Monteforte, as we’ve mescolando due terze parti di Trebbiano di Soave ed una di Garganega...”.

Con l’inizio del nuovo secolo, oltre ai problemi legati alle malattie che mettono in grave difficoltà tutta la viticoltura Veronese, sorge l’esigenza di tutelare i migliori prodotti dalle frodi e dall’uso improprio del nome. Nel 1924 veniva votato un primo provvedimento di tutela per la difesa di vini tipici ed il 13 maggio 1926 nasceva il Consorzio per la difesa del Vino Tipico Soave sotto la presidenza del Cav. Enrico Perezzan. Da subito l’istituto di Viticoltura di Conegliano iniziò uno studio approfondito che portò a delineare le caratteristiche specifiche dei vini e a delimitare la zona di produzione che, per il Soave, coincide con la zona oggi definita CLASSICA.

Purtroppo la legge votata fu disattesa per alcune lacune tecniche ed il dibattito si protrasse fino al riconoscimento della Legge 1164 del 1930. Sembrava che fosse finalmente superato il periodo delle incertezze e delle divergenze. Infatti un primo gruppo di vini pregiati italiani parve trovare realmente la sua tutela in detta legge. Fra i vini veronesi, solamente il Soave ottenne come già detto per decreto la delimitazione della zona di produzione da parte del Ministero dell’Agricoltura (D.M 23 ottobre 1931), il quale accolse totalmente le proposte fatte dalla Stazione di Viticoltura di Conegliano, che aveva compiuto uno studio accurato del vino Soave e della sua zona.

Purtroppo tale decreto, (come quelli che furono emessi per altri vini pregiati italiani), restò lettera morta, in quanto la legge del 1930 era minatadataliimperfezionielacunelegislativedarenderepraticamente vana la costituzione dei Consorzi di difesa dei singoli prodotti. Tra le tante carenze, la legge non aveva previsto l’obbligatorietà d’iscrizione ai Consorzi da parte dei produttori, né prevedeva l’applicazione di sanzioni per coloro che, non appartenendo al Consorzio, abusassero, nel commercio, del nome del vino tutelato. Da qui la necessità, ripetutamente affermata, di una nuova riforma della legge.

Nel 1939 il prof. Italo Cosmo della Stazione sperimentale di Conegliano descrive un realtà produttiva in veloce evoluzione “... Oggigiorno nelle collinedelSoavecaratterizzatedauvebianche,citroviamodifrontead una viticoltura specializzata ed intensiva... le pergole sono aperte ed i capi a frutto vengono rinnovati a partire dall’incurvatura...all’inizio della ricostituzione su piede americano avevano preso diffusione il Rupestus du Lot ed il 4IB, oggi invece prevale il 420A... I vitigni che servono per il Soave sono pressoché esclusivamente la Garganega ed il Trebbiano di Soave, vitigni entrambi di indubbio pregio...”.

Notiamo peraltro nella zona del Soave uno spostamento delle proporzioni di coltura della Garganega ed il Trebbiano di Soave che oggi sono di 70-80% per la prima e 10-20% per il secondo. È indubbio che la fertilità e la resistenza al marciume della Garganega sono fattori che influiscono sulla sua diffusione. Se però al Trebbiano di Soave si riservano le esposizioni più soleggiate, troveremo uve sempre sane ottenendo così vini di grande qualità...” Dopo aver confrontato a livello sperimentale il Trebbiano di Soave con alcuni nuovi impianti di Trebbiano Toscano, il prof Cosmo conclude che “...per i nuovi impianti nella zona del Soave siano da consigliare: il Trebbiano di Soave (nella proporzione del 50% circa) e la Garganega per il 40% circa”.

Il prof. Italo Cosmo dà quindi alcuni cenni di tecnica enologica per il “pregiato” vino Soave “... Nella zona di Soave – Monteforte, come abbiamo visto ancora, si produce in grande prevalenza un vino bianco, che è ottenuto dalla vinificazione della Garganega: vitigno base che entra nella proporzione variabile dal 75% come minimo al 95-100% man mano che ci si sposta verso Monteforte d’Alpone e dal Trebbiano di Soave che costituisce il complemento della Garganega. La vinificazione viene sempre fatta con uve fresche; presso i piccoli proprietari e presso i mezzadri, la fermentazione normalmente avviene in presenza di tutte le bucce e talvolta anche di tutti i raspi, per 4-6 e più giorni; di solito non viene fatto uso di prodotti solforosi.

Nei grandi stabilimenti invece la fermentazione viene regolata con opportune dosi di questi ultimi e viene fatta svolgere per 1-2 giorni al massimo in presenza di una parte soltanto delle bucce diraspate. Rari sono i casi di fermentazioni totalmente in bianco”. La zona del Soave del secondo dopoguerra in poi, proprio per l’importanza che la coltura della vite stava assumendo, fu oggetto continuo di studi e ricerche soprattutto a cura della storica sperimentale di Conegliano. Con l’approvazione del primo disciplinare nel 1968 si andava a fotografare una situazione ampelografica in continua evoluzioneconlaGarganegaarrivataal70-90%edilTrebbianodiSoave costretto tra il 10% ed il 30% della superficie, spesso in consociazione.

Le fortune commerciali del Soave ed una viticoltura più specializzata emarginarono il Trebbiano di Soave che ha una maturazione anticipata rispetto alla Garganega. Il disciplinare nel 1976 venne aggiornato portando la Garganega fino al 100% con la possibilità però di usare il already seen, produce almost exclusively white wines obtained from Garganega: the variety that varies in proportion between 75% to 95- 100% as one moves towards Monteforte d’Alpone, and of Trebbiano di Soave as a complementary grape. The wine is always made from fresh pressed grapes by small landowners and sharecroppers.

The fermentation normally takes place on the skins and is sometimes without de-stemming for 4-6 or more days. Usually no sulfur is added. Instead, in the larger wineries, the fermentation is regulated with opportune doses of the above and continues for only 1-2 days, with destemming and partial skin contact. Very rarely are there cases of fermentation totally “in white”.” The area of Soave after WWII, for the growing importance that viticulture assumed, became an object of interesttoresearchers,especially from the experimental branch of the Conegliano Institute. With the approval of the modern day rules which went into law in 1968, the ampelographic situation at the time showed that Garganega comprise 70-90 percent of the production while Trebbiano di Soave became limited to 10 to 30 percent, often with intercropping.

The commercial fortune of Soave and a more specialized viticulture further aggravated thedisappearanceofTrebbiano di Soave, which ripened earlier than the Garaganega. The laws governing the production of Soave were updated in 1976, and specified that Soave was to bemadewith100%Garganega and just optionally tolerated a maximum of 30% of Trebbiano di Soave. The production rules further evolved to include two other complementary varieties Chardonnay and Pinot Bianco. Despite their introduction, local growers never actually gave much attention to planting either nonnative varieties.

In 1970, Trebbiano di Soave was included in the National Register of varieties of vines, unique and distinct (it was only in 1999 that it was reunited with Verdicchio following the 1991 research published by Calò, Costacurta e Concellier).

These were the years when the presence of the variety dipped to an all time low. Trebbiano di Soave has only begun to make a come back in the last few years. As winemakers begin to trace new enological profiles for Soave, they are finding that Trebbiano di Soave lends a lively and savory flavor to the gentler, elegance of Garganega. More and more we are seeing winemakers produce pure Trebbiano di Soave, a sign that the territory never stopped believing in its potential.

From 1969 to today, 12 clones of Trebbiano di Soave have been approved through nursery or research initiatives. The genetic heritage available today tends toward biotypes that were not chosen from the original production areas. What we can observe, is that new plantings often do not have the same characteristics (mostly seen in the size of the bunches and the generous yields) of the original vines. Unfortunately, the numerous and qualified selections carried out by the Consorzio di Tutela and farsighted wineries over the last two decades have not had much success finding disease-free biotypes.

Therefore the plantings are either carried out with selected material (see clone sheets) or with a mass selection to preserve the original expressive characteristics of this vine. This body of research aims to safeguard the identity of the variety and biodiversity in Soave. This adds to many other aspects that characterize Soave: volcanic soil, the pergola trellising, the traditional grape drying, cooperation and hydraulic agricultural systems. All of these elements havebeenofficiallyrecognizedbytheFAOprogram,GloballyImportant Agricultural Heritage Systems. This vine is once again at the center of our attention as a source of inspiration, not only for its unique enological expressions (savory and longevity) but also for its historical value.

Trebbiano di Soave fino al 30%.

Nel disciplinare di produzione arrivano successivamente come vitigni complementari alla Garganega oltre al Trebbiano di Soave, il Chardonnay e Pinot Bianco; varietà che comunque non hanno trovato nel comprensorio la stessa attenzione dei vitigni originali. Nel 1970 il Trebbiano di Soave viene iscritto al Registro Nazionale delle varietà della vite come varietà unica e distinta (solo nel 1999 sarà riunita al Verdicchio a seguito delle ricerche del 1991 a cura di Calò, Costacurta e Concellier).

Sono gli anni in cui la presenza, in colture specializzate, scende al minimo storico. Solo recentemente il Trebbiano di Soave sta riscuotendo una rinnovata attenzione da parte dei viticoltori, riproponendosi come partner ideale per tracciare nuovi profili enologici per il Soave combinando la sua vivacità e sapidità con la struttura e la gentilezza della Garganega.

Sempre più spesso e con grandi risultati è proposto anche in purezza dalle aziende del territorio che non hanno mai smesso di credere nella sua potenzialità.

Dal ’69 ad oggi sono stati infatti omologati oltre 12 cloni di Trebbiano di Soave, sia per le iniziative di vivaisti che di Istituti di ricerca. Il patrimonio genetico oggi a disposizione dei produttori è però sbilanciato verso biotipi che non sono stati selezionati nell’areale di produzione originale. Ciò comporta spesso, soprattutto nei nuovi impianti una manifestazione di caratteri (soprattutto dimensione dei grappoli e produttività) che di fatto non appartengono alla originale espressione del Trebbiano di Soave.

Purtroppo le numerose e qualificate azioni di selezione poste in essere fin dal 2000 dal Consorzio di Tutela e da alcune lungimiranti aziende del territorio non hanno avuto fortuna nella selezione di biotipi esenti dalle principali virosi.

Gli impianti che si stanno realizzando in questi anni nel comprensorio sono quindi fatti sia con il materiale selezionato (vedi schede cloni) che con selezione di tipo massale per preservare le caratteristiche espressive originali di questo vitigno. Questo lavoro di ricerca e nuova attenzione per salvaguardare identità ed originalità espressiva e biodiversità, ha concorso con tanti altri aspetti caratterizzanti del Soave (suolo vulcanico, pergola veronese, tradizione dell’appassimento, sistemazioni idraulico agrarie, cooperazione virtuosa) al recente ed importantissimo riconoscimento da parte della FAO nell’ambito del programma GIAHS delle vigne tradizionali del Soave come patrimonio agricolo dell’umanità.

Questo vitigno è quindi oggi al centro di una nuova attenzione non solo per le sue particolari espressioni enologiche (sapidità e longevità) ma anche come autentico testimone della storia di una denominazione che nei suoi vitigni originari può trovare nuovi stuoli di distintività commerciale.

Stories stories - Soave Stories stories - Soave Stories stories - Soave
You can also read
Next part ... Cancel