EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.

EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV
                     When Art became a part of the Landscape. Chapter I


                                         Evento Collaterale di Manifesta 12
                                    Museo Archeologico A. Salinas, Palermo
                                             16 giugno – 4 novembre 2018


                                                                                       Rassegna stampa




Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                       Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
RAI Radio 3
A3 – Il Formato dell’Arte
a cura di Elena Del Drago

Estratto min 21 e 20 sec

Evgeny Antufiev, Museo Archeologico Salinas, Palermo

http://z2o.dyndns.org/ESTRATTO_A3_IlFormatoDellArte_RaiRadio3.mp3




  Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                         Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
EVGENY ANTUFIEV - When Art became a part of the Landscape.
Manifesta 12: The world’s fair
Tackling both regional and global concerns, the biennale’s latest edition is fresh and far-reaching

Jackie Wullschlager
June 22, 2018

On the stone façade of Palazzo Chiaramonte in Palermo, there are grooves left by the iron cages in which
hung the severed heads of aristocrat rebels against Emperor Charles V. The fortified palace near the port was
built in 1307 for a Sicilian lord who made his fortune collecting taxes there. Later, under Spanish rule, it
became the Inquisition’s gaol; preserved against the odds on chalky walls beneath grand arches, large-scale
coloured murals and scribbles — drawings of Christ’s Passion, homesick landscapes, mutterings of faith and
despair — memorialise the last days of political prisoners tortured and facing death.

This is the desperately affecting context to Taiwanese artist Yahon Chang’s immersive display “Poetry of
Flow”: expressive calligraphic scrolls of ghoulish heads, tumbling rivers, spiralling fronds, depicted in black
oil with broad sheep-hair brushes on Italian bedsheets. It is a light, respectful intervention, directing
attention as much to the ancient graffiti by victims of religious extremism as to the artist’s fusion of western
and Chinese traditions. Chang mirrors too motifs in the Giardino Garibaldi opposite: huge banyans with
exposed aerial roots, ornamental fountains, busts of Risorgimento leaders.

Palermo, revealing from every surface a history that spans millennia of global confrontations and cross-
currents, is a perfect venue for Manifesta, Europe’s nomadic biennale committed to political art. “The
Planetary Garden”, the 12th edition, launched this week, takes its title from gardener-ecologist Gilles
Clément’s book suggesting that we cultivate the earth, collaboratively, as “one small garden”. An
outstanding match between milieu and mindset, this Manifesta is fresh, varied, distinctive, responsive to
regional Mediterranean crises yet concerned with subjects that touch us all.

Palermo’s sumptuous gardens give a seductive sense of natural abundance. In “Theatre of the Sun”, Los
Angeles collective Fallen Fruit swamp a room in the decaying seaside villa Palazzo Butera with wallpaper in
tropical naive style, mapping trees in public places whose lemons, oranges and apricots are available to
anyone. The stunning 18th-century Orto Botanico, boasting 12,000 exotic species, those from Africa and
Asia flourishing as well as at home, functions especially as a potent metaphor for thriving coexistence in this
city with an ever-increasing migrant population.

At the garden’s entrance, “Palermo Herbal”, Malin Franzén’s lovely monumental “natural prints”, imitates
17th- century Sicilian botanist Paolo Boccone’s method of colour-pressing specimens, juxtaposed with
today’s scientific visualisation techniques researching toxicity: a finely tuned layering of past and present
echoed by several of this biennale’s most imaginative artists.




   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Evgeny Antufiev’s ‘When Art Became Part of the Landscape’ © Wolfgang Traeger

In “When Art Became Part of the Landscape” in the cloisters of the Archeological Museum Antonio Salinas,
Evgeny Antufiev places delicately textured wooden and terracotta grotesques, hybrid animal-human figures,
moon faces, a symbolic boat and an asymmetrical model of a temple in counterpoint to Palermo’s supreme
collections of Greek sculptures, while also referencing funerary iconography and handcraft traditions in his
native Siberia.

In Palazzo Costantino — a Renaissance masterpiece of overlapping loggias and double staircases that was
requisitioned and wrecked by German troops, then abandoned after department store Rinascente took it on in
  Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                         Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
the 1960s — Roberto Collovà evokes another wreck: photographs taken since the 1970s, flotsam and jetsam,
maps and models describe “Costa Sud”, a devastated, contaminated stretch of southern Sicily’s coast.

Unmissable is the installation “Protocol no 90/6” by Masbedo — Milan-based duo Nicolò Massazza and
Iacopo Bedogni — at Sala delle Capriate, a Harry Potter-like vault housing thousands of thick, dusty,
uncatalogued, centuries-old volumes, piled on open shelves, aisle after aisle. On the back wall, in looped
video projection, an enormous wooden marionette with piercing eyes, bewildered expression and an electric
blue suit haplessly bounces towards us. His thudding, clumsy hands and feet make the only sound in the
silent, mysterious archive where city records arranged by time and chance have petrified into strata of paper
fossils and faded ink. Can we understand history, change it, or are we its powerless puppets?

That question plays across expansive presentations in a group of semi-ruined palaces, many seldom open to
the public, all so splendid and allusive that even empty they would justify visiting this Manifesta. Palazzo
Ajutamicristo, built around a courtyard of roses, fig and palm trees by a 15th-century grain trader, hosts
contemporary works focused on transnational networks where everything — finance, information, fuel — is
allowed to move, except people. From Algeria, Lydia Ourahmane’s “The Third Choir” is a sound
installation of mobile phones amplified inside Naftal oil barrels. Rayyane Tabet’s “Steel Rings” replicates
an American pipeline from Saudi Arabia to Lebanon; disused, it still runs across now impassable borders
between Syria, Jordan and Lebanon.




  Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                         Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
A work from the Evgeny Antufiev installation © Wolfgang Traeger

Palazzo Forcella De Seta, a labyrinth of Moorish rooms with mosaic inlays and frescoes, stages two very
effective investigative films, both by campaigners. The disturbing “Liquid Violence” by Forensic
Oceanography, duo Charles Heller and Lorenzo Pezzani, traces the trajectory of migrant boats abandoned
off Libya, and the political strategies making the Mediterranean a death trap. “Fluchthelfer.in. Become an
Escape Agent”, by Germany’s Peng! Collective, follows Europeans returning from holidays who offer
migrants lifts across borders; the video, giving voice to drivers and passengers alike, places such acts of civil
disobedience in the historic spectrum of those aiding refugees from Nazism and East Germany.

Against such straightforward, gripping documentaries, over-conceptualised politicised art often looks feeble
or sanctimonious. Here weak Dutch offerings particularly — Manifesta is Dutch-led — lower quality and
seriousness: “Night Soil”, Melanie Bonajo’s video of women cuddling animals, played to audiences on
deckchairs on sea-blue carpets, is an example.

The few big-name commissions disappoint too. For “article 11”, about US drones in Sicily, Tania Bruguera
invited activists to make art works, to dreary effect. Kader Attia’s chattering cultural analysts in the long
film “The Body’s Legacies. The Post Colonial Body” are infuriatingly didactic.

These are perhaps inevitable flaws in any highly political biennale. Overall, as Palermo mayor Leoluca
   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Orlando, impassioned advocate of open borders, declared at the launch, Manifesta impressively interacts
with “a city in a process of constant change . . . yesterday capital of the all-suffocating Mafia; today capital
of . . . rights, peace, enterprise, mobility”. The many young black men — though, as far as I saw, no black
women — among the stewards at Manifesta venues are a small symbol of change, integration, hope.

Orlando spoke in the thrillingly ornate baroque Chiesa di Santa Caterina in Piazza Bellini, around which
worlds old and new, east and west, converge: Norman tower, mosque, thundering docks, migrant footballers
playing on a pitch by the port while, tucked away in Palazzo Abatellis, Palermo’s “Mona Lisa”, the
crystalline “Virgin Immaculate” (1476) by local hero Antonello da Messina, holds her breath, raises a hand,
and asks for a moment to think.

To November 4, manifesta.org




   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                       Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                       Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Uno scatto per la dignità

Perché Manifesta è valida al di là delle solite critiche? Perché si incontra e si modella su un territorio.
Creando una visione autentica, e le basi per una non facile scommessa

adriana polveroni

pubblicato domenica 24 giugno 2018

E dopo ArtBasel arrivò Manifesta. Finita l’abbuffata con la migliore arte del mondo,
destinazione successiva: Palermo. Dal vicino nord pulito e danarosissimo, dove si allestiscono mostre da
urlo (forse le migliori del decennio): quella dedicata a Bruce Nauman allo Schaulager e l’impareggiabile (a
volte con qualche punta didascalica che però non guasta) duetto Bacon-Giacometti di scena alla Fondazione
Beyeler, si plana sullo stupor mundi siculo, tra sublimi palazzi cadenti e la memoria e il presente tormentati.
Che cosa è successo a Palermo nei giorni tra il 14 e il 17 giugno? Anzitutto è circolata una gran bella
energia, con tanta gente - non solo il popolo dell’arte - ma palermitani in giro notte e giorno, in qualche
modo coinvolti nella grande festa che aveva come epicentro la loro città. Palermo e la Sicilia tutta, sono terre
di forte energia, basta toccarle per accenderle. Il fatto è che poi tutta questa energia che zampilla
generosamente dalla gente, specie dai giovani, è spesso mal canalizzata. E questo è il rischio maggiore che
correrà Palermo post Manifesta.
Curioso notare, per me che la Sicilia la conosco un po’, che diversi siciliani con cui ho parlato in questi
giorni, abbiano ricordato lo scatto di dignità che seguì alle stragi di Capaci e di via D’Amelio in cui
morirono Falcone, Borsellino e i loro angeli custodi, quasi alludendo - un po’, molto trasversalmente - alla
possibile rinascita che sembra farsi strada oggi. Anche se di rinascite, e proprio con Leoluca Orlando
sindaco, Palermo in più di venticinque anni (le stragi sono del ’92) ne ha vissute tante. A singhiozzo, stop
and go, poi grandi stop e ora vediamo. Ammassando però nel frattempo nuovi disastri e riuscendo a
cambiare in parte il volto di quelli passati. Tanto che se si vuole prendere un luogo simbolo che incarna la
bellezza ferita e insieme riscattata della città, bisogna andare proprio in quella piazza Magione e alla Chiesa
dello Spasimo che, insieme al teatro Garibaldi, sono il quartiere generale di Manifesta. Semidistrutte dalle
bombe e dell’incuria. Ma che hanno trasformato le ferite in una nuova idea di bellezza, senza nasconderle
ma offrendole alla vista, una cosa che se Marina Abramović fosse una città sarebbe Palermo (e anche un po’
Berlino). Tra violenza e riscatto, amore e innovazione, visto che proprio qui c’è un concentrato della nuova
città che avanza, tra bar poveri e di tendenza, lussuose dimore, coworking e altre invenzioni. Tutto iscritto in
un seducente paesaggio di rovine.
Ed è qui che, dicevamo, Manifesta si è piazzata.
Com’è poi questa Biennale nomade? Come tutte le Biennali, c’è del buono e del mediocre. Non per essere
ecumenici, ma per dire che si percepisce lo sforzo, non sempre ricompensato dai risultati, forse per
mancanza di tempo, non penso per mancanza di soldi che in Sicilia continuano ad arrivarne tanti. Penso a
Palazzo Butera, alla fretta con cui Uriel Orlow ha messo in scena i suoi Wishing trees, penso a certe
ingenuità e scorciatoie viste a Palazzo Ajutamicristo (Tania Bruguera che per denunciare MUOS espone
ritagli di giornali + qualche foto), alla bella installazione di Per Barclay a Palazzo Mazzarino, ma un po’

   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
tanto vista. E molto riuscite le installazioni dei Masbedo all’Archivio di Stato per il quale scommetto che
anche uno come Umberto Eco sarebbe stato colto dalla Sindrome di Stendhal, di Massimo Bartolini con il
suo intricato incastro di luminarie del Sud, di Michele Guido e i suoi raffinati ragionamenti tra arte, vita e
architettura. Coinvolgente la performance di Marinella Senatore, con l’energia sicula che trasudava dai
ragazzi impegnati ad attraversare il centro storico, tra danza, movimenti, musica e bandiere. E squisito, a
volte anche ironico, il dialogo che Eugeny Antufiev ha allacciato con il gran bel museo archeologico
Salinas. Colta e affascinante la proposta di Simon Starling alla chiesa di San Giovanni all’Origlione.
Insuperabili poi alcune location: Palazzo Branciforte che ospita l’intervento di Lara Favaretto, che si fa
spazio in quel monumento al passato e alla povertà che è il Banco dei pegni della biancheria (neanche
sapevo che fosse esistita una cosa del genere. Sì, i poveri, non potendo impegnarsi i gioielli, si impegnavano
le lenzuola). Chapeau per la accuratissima, e finalmente non noiosa, controinformazione sugli sbarchi e il
ruolo delle Ong fatta da Forensic Oceanography (Lorenzo Pezzani e Charles Heller), con Liquid Violence
di scena nello stupendo Palazzo Forcella De Seta. Generosa l’idea di Viasaterna (galleria milanese) di
trapiantarsi a Palermo per otto settimane con otto artisti che lasciano qualcosa alla città ma che ne prendono
anche, in uno scambio e sguardo incrociati. E poi la denuncia, finalmente molto artistica, dello scempio
siciliano fatta da Alterazioni Video, e Yuri Ancarani, Invernomuto, l’emergenza dell’acqua affrontata da
Michael Wang, le collettive "Il richiamo di Cthulhu” e "La febbre” a Palazzo Mazzarino, i "Paesaggi
mentali. Traiettorie naturali” al museo Geologico e il visi à vis tra giovani artisti e una misconosciuta
maestra siciliana quale è stata Lia Pasqualino Noto.
Insomma, c’è tanto da vedere e da pensare, perché queste, tra le mostre ufficiali e i progetti collaterali (forse
alla fine più coerenti questi), sono solo le prime cose che mi tornano in mente qualche giorno dopo
l’inaugurazione.
Ma quello che mi ha più colpito è lo sforzo di assumere Palermo come giardino globale, secondo le
indicazioni dei curatori di questa 12esima edizione di Manifesta. Un giardino dove sono cresciute tante
piante diverse, sia in senso strettamente botanico che metaforico, che hanno prodotto frutti gustosi (il vero
melting pot di questa città dove lo "sbraco”, la mancanza di un governo forte, spesso la povertà, aiutano a
mischiarsi) e frutti avvelenati (lo "sbraco” che sarà pure esotico e romantico, ma che non fa crescere). La
Sicilia, oltre che Palermo, giardino avvelenato dalla mafia, indagata e attraversata da Eva Frapiccini
all’Archivio Storico Comunale, ma anche come territorio dove oggi si sperimentano sofisticatissimi sistemi
di controllo come il MUOS, come ben racconta Laura Poitras con il suo Signal Flow. E la Sicilia oggi al
centro dell’attenzione: mare nostrum e agognato, diventato un’immensa tomba liquida, teatro di solidarietà e
di egoismo, destinato ad essere braccio di mare strategicamente decisivo negli assetti globali. Teatro di flussi
naturali e obbligati, di conflittualità in crescita.
Tutto questo, in questa Manifesta, che gode di sedi meravigliose – "I palazzi dei ricchi che tutti guardiamo
incantati”, come dice qualcuno – dove il crimine, quello piccolo ma pur sempre brutale, colpisce anche per
pochi euro (i pc rubati insieme all’incasso giorni fa al Teatro Garibaldi), dove si favoleggia di futuro di
grande arte e di grande futuro tout court con il Palazzo Butera acquistato dall’imprenditore e collezionista
Massimo Valsecchi, tutto questo, e per fortuna molto altro, in questa Manifesta c’è.
E non poteva essere coerente perché Palermo è tutto fuorché una città coerente. E se Manifesta, in quanto
nomade, incontra e si modella su un territorio, stavolta non poteva che uscire fuori una Biennale un po’
scassata, ma autentica.
Per ora va bene così, nonostante le facili critiche. La posta in gioco è se un’esperienza simile cambierà
qualcosa di Palermo, come dovrebbe fare una biennale, incidendo su un territorio. Basterebbe una crescita,
un radicamento culturale, un nuovo scatto di dignità.
Già sarebbe un successo.

Adriana Polveroni
   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Note di un direttore/4. Palermo traccia un nuovo sentiero nel Giardino di Manifesta

pubblicato domenica 17 giugno 2018

Palermo, sabato, 16 giugno ’18

Che il perno di tutto sia Martin Kippenberger che, con il suo MOMAS-Museum of Modern Art Syros,
cercava di decostruire il concetto di museo e la fruizione dell’arte, creando un ambiente "scivoloso” per
pratica e pubblico? La risposta è alla Fondazione Sant’Elia, in una piccola mostra. Collaterale a Manifesta,
of course.
Che sia invece a Ballarò, alla Chiesa dell’Origlione, dove Simon Starling mette in scena il viaggio di
Michelangelo Merisi per ripensare a una Decollazione di San Giovanni Battista che si infila nel vano di un
Ape Car, dove vengono raccolti tutti i materiali che compongono la celeberrima opera, una cui copia si trova
a Palazzo Abatellis, qui a Palermo, mentre l’originale è custodito a La Valletta? O forse è Lara Favaretto,
anch’essa vincitrice del Bando 2017 di Italian Council che, a Palazzo Branciforte, ex Monte dei Pegni
palermitano, con Museo Madre di Napoli e Fondazione Sandretto, raccoglie le testimonianze di chi
restituisce reperti archeologici trafugati a Pompei con tanto di lettere di scuse e di preghiere di essere
sollevati dalla malasorte avvenuta per il danno causato? O forse sta nelle parole di Leoluca Orlando che a
gran voce ha affermato, in occasione della cerimonia di apertura di Manifesta 12, a piazza Magione, che a
Palermo non ci sono migranti ma solo cittadini che vivono qui temporaneamente o meno? O forse è la folla
che si è radunata intorno alla processione di Marinella Senatore? O, ancora, Evgeny Antufiev, che si
mescola al paesaggio del Museo Archeologico Salinas con le sue sculture in legno e le sue creazioni in
ceramica e terracotta, veri e propri memento mori che raccontano di ibridi, lacrime e figure fuori dal tempo,
quasi a ricordarci che l’arte è sì una condizione primaria ma che non esula l’uomo dalla sua finitudine,
rispetto alla collezione di reperti che, in questi luoghi, sembrano diventare eterni.
Ma poi c’è il brunch nella meravigliosa Casa Spazio, dove Palermo sembra un atelier in cui anche il
contemporaneo si può realizzare senza problemi; e poi c’è la storia di Berlinde De Bruyckere a Santa
Venera, chiesetta chiusa da oltre sessant’anni e ristrutturata da Fondazione Terzo Pilastro lo scorso anno,
con mistico giardino annesso, e sulla cui funzione futura ancora non c’è luce chiara. Ma c’è anche Palazzo
Ajutamicristo, le nature-architetture di Michele Guido a Palazzo Oneto di Sperlinga, e qui e là ci sono i
Pupi, c’è la storia e c’è una Manifesta che forse mai come quest’anno – e lo ripete ancora Orlando – è
connotata nella sua storia, grazie al contesto. «Palermo sembra prendere il sopravvento rispetto agli artisti»:
forse questo Orlando non avrebbe dovuto dirlo o smorzare un po’…ma that’s it.
Lo abbiamo ripetuto spesso in questi giorni ma pare anche appurato che, stavolta, una Manifesta così si è
potuta fare proprio perché siamo qui. E l’after party sul mare ne è la conferma. Le sollecitazioni sono state
infinite, le finestre aperte dozzine, gli incontri centinaia. Una manifest-azione che, se partita sotto una stella
disordinata – come Palermo, del resto – ha già forse tracciato un piccolo sentiero nel giardino. (MB)

Fine. Per ora.



   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
C O S E D A FA R E A PA L E R M O _ T r a M a n i f e s ta 1 2 e a f f i n i




                                                                               COSE DA FARE A PALERMO _ Tra Manifesta 12 e affini
                                                                               Per non perdervi proprio nulla, in questi affollati giorni di Manifesta, vi consigliamo di usare il nostro
                                                                               aggiornatissimo Navigatore – che potete trovare qui – puntato direttamente dal vostro smartphone
                                                                               su Palermo. Ma sappiamo bene che il caldo rende le membra pigre e così ecco la scorciatoia che vi
                                                                               farà risparmiare strada, con una selezione dei migliori eventi curata dalla nostra redazione.
C O S E D A FA R E A PA L E R M O _ T r a M a n i f e s ta 1 2 e a f f i n i




                                                                                             14
                                                                                                                               14 giugno | h 18:30                             Per oltre dieci anni il collettivo artistico
                                                                               G I U G N O




                                                                                                                                                                               Alterazioni Video ha raccontato il feno-
                                                                                                                               The hanging garden                              meno delle opere pubbliche incompiute
                                                                                                                               Spaziocentotre, via Principe di Belmonte        in Italia con fotografia, scultura e video.
                                                                                                                               103, Palermo                                    Il percorso espositivo, a cura di Davide
                                                                                                                               In occasione di Manifesta 12, che sviluppa      Giannella, presenta un’installazione video,
                                                                                                                               il tema del Giardino Planetario, SPAZIO-        presso l’ex Chiesa di S. Mattia ai Crociferi,
                                                                                                                               CENTOTRE, per il suo secondo progetto,          e una mostra, presso il Centro Internazio-
                                                                                14 giugno | h 18:30                            propone una collettiva tutta al femmi-          nale di Fotografia di Palermo, con l’intero
                                                                                                                               nile, con le artiste Laura Cionci, Stefania     Atlante fotografico delle opere incompiu-
                                                                                Paesaggi Mentali / Traiettorie Naturali        Cordone, Marta Roberti, Lucia Veronesi, a       te. Il 15 giugno, alle ore 12, la presentazio-
                                                                                Museo di Geologia G.G. Gemmellaro, Cor-        cura di Christian Caliandro, che declina l’i-   ne del libro Incompiuto: La nascita di uno
                                                                                so Tukory 131, Palermo                         dea di giardino pensile in chiave di ricerca    Stile, presso l’Edicola al Quinto Canto, con
                                                                                La mostra, curata da Lorenzo Bruni, riflet-    artistica e umana.                              Alterazioni Video, Fosbury Architecture,
                                                                                te sulle prerogative che può avere oggi il                                                     Davide Giannella, Giovanna Silva e Robert
                                                                                concetto di paesaggio ideale sia dal punto                                                     Storr. Alle 18, l’opening della mostra alla ex
                                                                                di vista naturale che da quello dell’inte-                                                     Chiesa di S. Mattia ai Crociferi, visitabile
                                                                                razione interculturale. Gli artisti invitati   Alterazioni Video, Incompiuto: la nascita       fino al 20 giugno, dalle 15 alle 20. Il 17 giu-
                                                                                ad intervenire all’interno del Museo di        di uno stile                                    gno, brunch e visita guidata al centro Inter-
                                                                                Geologia, in dialogo con la sua collezione                                                     nazionale di Fotografia di Palermo diretto
                                                                                e il suo particolare display museale, sono     15 giugno | h 11:30                             da Letizia Battaglia, la mostra sarà visitabi-
                                                                                Maurizio Nannucci, Antoni Muntadas,            Edicola aI Quinto Canto, Piazza Quattro         le dal 13 giugno fino al 20 settembre.
                                                                                Marinus Boezem, Salvatore Arancio, Do-         Canti, via Vittorio Emanuele, Palermo
                                                                                menico Mangano & Marieke van Rooy e
                                                                                Paolo Parisi. Stefania Galegati Shines, Da-    15 giugno | h. 18:00                            14-15-16 giugno | h 19:00 - 23:00
                                                                                vid Medalla e Gianni Melotti hanno realiz-     Ex Chiesa di S. Mattia ai Crociferi, via Tor-
                                                                                zato e realizzeranno dei progetti speciali     remuzza 28, Palermo                             The Mega View
                                                                                legati alla comunicazione della mostra per                                                     Giardino di Villa Garibaldi, Piazza Marina,
                                                                                proporre una prospettiva inedita sul ruolo     17 giugno| h. 12:00                             Palermo
                                                                                del museo al tempo degli archivi digitali      Centro Internazionale di Fotografia di Pa-      The Mega View è il progetto di THEVIEW
                                                                                istantanei.                                    lermo, via Paolo Gili 4, Palermo                (Genova) e MEGA (Milano) in occasione di
                                                                                                                                                                               Manifesta 12. I due spazi collaborano per
C O S E D A FA R E A PA L E R M O _ T r a M a n i f e s ta 1 2 e a f f i n i

                                                                                la prima volta coordinando diversi artisti      Da 15 al 18 giugno, apertura dalle 11 alle 19,    15 giugno | h 11:00 -18:00
                                                                                nella creazione di un’installazione col-        dal 19 giugno al 4 novembre, apertura da
                                                                                lettiva e temporanea nei giardini di Villa      martedì a sabato, dalle 14 alle 19.               Daniel González, Mi Casa Tu Casa
                                                                                Garibaldi, oltre che in un calendario di                                                          Giardino Mondello Palace Hotel, viale
                                                                                performance live. Ecco alcuni tra gli ar-                                                         Principe di Scalea, Mondello
                                                                                tisti coinvolti: Josè Angelino, Anna Fran-      15 giugno | h 12:00                               Installata nel giardino del Mondello Palace
                                                                                ceschini, Tomaso de Luca, Rä di Martino,                                                          Hotel, l’architettura effimera Mi Casa Tu
                                                                                Gianandrea Poletta, Nuvola Ravera, Fran-        AES+F, MARE MEDITERRANEUM                         Casa, presentata da Fondazione Volume! e
                                                                                cesco Simeti, Luca Trevisani.                   Teatro Massimo, Sala Pompeiana, piazza            Mondello Italo Belga, è una casa dove gli
                                                                                                                                Verdi, Palermo                                    oggetti privati di una famiglia siciliana di-




                                                                                             15
                                                                                                                                Organizzata dal Multimedia Art Museum             ventano struttura della casa stessa, azze-
                                                                                                                                Moscow-MAMM, diretto da Olga Sviblova,            rando i confini tra privato e pubblico. Una
                                                                               G I U G N O




                                                                                                                                in collaborazione con AVC Charity Foun-           riflessione profonda sul concetto di acco-
                                                                                                                                dation e Fondazione Teatro Massimo, la            glienza, in secoli di migrazione nella città
                                                                                                                                mostra riflette sul dramma che si sta svol-       di Palermo. La mostra sarà allestita fino al
                                                                                                                                gendo nel Mediterraneo, proponendo una            4 novembre.
                                                                                                                                serie di opere in porcellana, fragile simbo-
                                                                                                                                lo della fragile comodità borghese.
                                                                                                                                                                                  15 giugno | h 16:30-20:00

                                                                                                                                15 giugno | h 17:30                               Virginia Zanetti, Abysses
                                                                                15 giugno | h 10:00                                                                               KaOz, piazza Magione, via Francesco Riso
                                                                                                                                Eva Frapiccini, Il pensiero che non diven-        55, Palermo
                                                                                Conferenza stampa di presentazione di           ta azione avvelena l’anima                        E 16 giugno | h 16:30-20:00
                                                                                Manifesta 12                                    Archivio Storico Comunale di Palermo,             Spazio Y, Palazzo Savona, via Roma 203,
                                                                                GAM-Galleria d’Arte         Moderna,     via    Via Maqueda 157                                   Palermo
                                                                                Sant’Anna 21, Palermo                           L’omertà, il controllo, la violenza delle         ABYSSES – performance di Virginia Za-
                                                                                                                                guerre di mafia ma anche il coraggio, la          netti in collaborazione con Spazio Y e
                                                                                                                                collaborazione, il lavoro quotidiano e gli        Astalli Center, nell’ambito di Border Cros-
                                                                                15 giugno | h 11:00                             ideali condivisi, in un percorso di resti-        sing e selezionata per gli eventi collaterali
                                                                                                                                tuzione della memoria, che entra nella            di Manifesta 12 – è un’azione collettiva che
                                                                                Per Barclay                                     profondità della storia italiana ancora           coinvolgerà le comunità di migranti ospi-
                                                                                Cavallerizza Palazzo Mazzarino                  scottante. Il progetto è presentato dalle         tate nei centri di accoglienza cittadini, gli
                                                                                Via Maqueda 383, Palermo 90133                  associazioni Connecting Cultures e Isole e        studenti dell’Accademia di Belle arti e il
                                                                                A cura di Agata Polizzi a Palazzo Mazza-        ha vinto la prima edizione del bando Ita-         pubblico, per ricamare un cielo di stelle a
                                                                                rino, tra i più belli e preziosi a Palermo,     lian Council 2017, della DGAAP-Direzione          filo d’oro su un tessuto blu oltremare. L’o-
                                                                                si apre “Cavallerizza Palazzo Mazzarino”        Generale Arte e Architettura contempora-          pera sarà poi portata lungo le strade della
                                                                                dell’artista norvegese Per Barclay. Qui una     nee e Periferie urbane.                           città, dall’artista e da tutti i partecipanti.
                                                                                vasca copre quasi per intero la superficie




                                                                                                                                                                                               16
                                                                                delle storiche scuderie, con un innesto
                                                                                laterale che permette al pubblico una vi-       15 giugno | h 18:00
                                                                                                                                                                                 G I U G N O




                                                                                sione ravvicinata ed emozionante della
                                                                                grande massa d’olio, superficie nera e lu-      Margherita Moscardini, Inventory. The
                                                                                cidissima sulla quale si specchiano le 14       Fountains of Za’atari
                                                                                colonne che sostengono le volte a crocie-       GAM-Galleria d’Arte Moderna, via
                                                                                ra. La grande installazione è inclusa tra gli   Sant’Anna 21, Palermo
                                                                                eventi collaterali di MANIFESTA12.              Il progetto di Margherita Moscardini –
                                                                                                                                promosso dalla Fondazione Pastificio
                                                                                                                                Cerere e vincitore della prima edizio-
                                                                                15 giugno | h 11:00-19:00                       ne del bando Italian Council 2017, della          16 giugno | h 10:00
                                                                                                                                DGAAP-Direzione Generale Arte e Archi-
                                                                                Il Richiamo di Cthulhu                          tettura contemporanee e Periferie urba-           Evgeny Antufiev, When Art became part
                                                                                Palazzo Mazzarino, via Maqueda 383, Pa-         ne – è frutto del lavoro svolto dall’artista      of the Landscape. Chapter I
                                                                                lermo                                           all’interno di Camp Za’atari, il secondo          Museo Archeologico Salinas, Piazza Oli-
                                                                                Il racconto di H. P. Lovecraft diventa lo       campo profughi più grande al mondo, at-           vella, 24, Palermo
                                                                                scenario fantastico della mostra curata         tualmente 80mila residenti, nato in Gior-         La mostra, in collaborazione con la Collezio-
                                                                                da Lorenzo Benedetti e Aloisia Leopardi.        dania nel 2012 in risposta all’emergenza          ne Maramotti di Reggio Emilia, si sviluppa
                                                                                In esposizione le opere di Salvatore Aran-      umanitaria causata dalla guerra civile si-        lungo l’intero piano terra del Museo Archeo-
                                                                                cio, Fabrizio Cotognini, Giovanni Ozzo-         riana. Il 15 giugno 2018, durante i giorni        logico Salinas fino all’Agorà, con circa trenta
                                                                                la, Gianni Politi, Pietro Ruffo, Domenico       d’inaugurazione di Manifesta 12, avrà luo-        opere in dialogo con i reperti del museo. La
                                                                                Mangano e Marieke Van Rooy, che esplo-          go il lancio ufficiale del progetto, attra-       mostra sarà visitabile fino al 4 novembre.
                                                                                rano il limite tra immaginazione e follia.      verso un talk presso la GAM di Palermo.
La lunga estate di Manifesta Palermo. La recensione

By Ludovico Pratesi

25 giugno 2018

A una settimana dall’opening di Manifesta 12 a Palermo, una carrellata delle sedi e delle mostre da non
perdere nell’ambito della biennale nomade per eccellenza.

Grazie a Manifesta, Palermo si è trasformata in una città vivace e sorprendente, dove la proverbiale
ospitalità dei siciliani ha dato un’eccellente prova di accoglienza del “popolo dell’arte”, che rende questa
dodicesima edizione della Biennale Nomade Europea indimenticabile. E non solo per la quantità di proposte,
spesso abbinata alla forza dei progetti, ma soprattutto per la relazione con il complesso e stratificato genius
loci della città, che è apparso vivificato e in qualche modo fecondato dall’energia della manifestazione,
firmata da quattro mediatori creativi: l’olandese Bregtje van deer Haak, lo spagnolo Andrés Jacques, la
svizzera Mirjam Varadinis e l’italiano Ippolito Pestellini Laparelli, partner dello studio di architettura
OMA. Sono loro ad aver avviato Manifesta 12 grazie a una ricerca urbanistica sul campo che ha dato vita al
Palermo Atlas: una sorta di mappatura “per migliorare le potenzialità della città di Palermo attraverso
modalità più sostenibili”, spiega Hedwig Fijen, direttrice di Manifesta. “Palermo città globale, la cui
globalità tuttavia è di natura problematica, punto di convergenza di fenomeni transnazionali, quali il
cambiamento climatico, il traffico illegale di persone e l’impatto simultaneo di fenomeni come il turismo e
la migrazione”: questo è il frame che i curatori hanno costruito per Il Giardino Planetario. Coltivare la
Coesistenza. Un titolo ripreso dal pensiero di Gilles Clément, che nel 1997 ha descritto il mondo come “un
giardino planetario”.

GLI EVENTI COLLATERALI
Nelle affollate giornate dell’inaugurazione l’evento più gettonato in assoluto è stata Protocol no 90/6,
l’installazione video dei Masbedo, ispirata alla vicenda del regista Vincenzo De Seta, messo sotto
sorveglianza in quanto sospettato di simpatie comuniste, personificato per l’occasione da un pupo vestito da
operaio di Mimmo Cuticchio, all’interno di una sala dell’Archivio di Stato che contiene migliaia di faldoni
di documenti mai catalogati. Un mare di carta dal quale emerge lo schermo video con le movenze del pupo,
che ci fa riflettere sul controllo dello Stato sul singolo cittadino. Altrettanto significativa, ma in modo meno
spettacolare e più concettuale, è l’opera The Decollation/La Decollazione di Simon Starling (1967)
all’interno della chiesa di San Giovanni dell’Origlione, riaperta dopo diversi decenni dalla galleria Franco
Noero. Si tratta di un furgone Ape che trasporta i materiali necessari per realizzare i colori della

   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Decapitazione del Battista (1608) di Caravaggio, conservato a La Valletta, nell’isola di Malta, che l’artista
ha guidato dal nord Italia a Palermo sulle tracce del maestro.
Decisamente scenografica l’installazione di Per Barclay (1955) realizzata da Francesco Pantaleone nella
Cavallerizza di Palazzo Mazzarino: una vasca riempita di olio da motore dove si rispecchiano le colonne
dell’antico ambiente. Se l’opera di Barclay esalta l’architettura, l’intervento di Massimo Bartolini, Caudu e
Fridu promosso dalla Fondazione Volume! in due saloni di Palazzo Oneto, ne evidenzia il lato oscuro. In un
salone dalla volta affrescata Bartolini ha costruito una sorta di gigantesca gabbia di luminarie da piazza,
mentre in un’altra sala un neon rosso con una frase in siciliano, tratta dalle scritte sulle pareti delle celle di
Palazzo Steri, l’antico carcere di Palermo, esprime le sensazioni di un carcerato, amplificate dai bagliori
rossastri della luce.
Al Museo Archeologico Antonino Salinas la mostra dell’artista russo Evgeny Antufiev (1986), When art
became part of landscape, promossa dalla collezione Maramotti, si trasforma in una caccia al tesoro per
individuare le decine di sculture dal sapore arcaico e primitivo posizionate in mezzo ai reperti classici in un
esercizio di mimetismo davvero sorprendente, mentre all’Orto Botanico (con la produzione della
Fondazione Merz e la collaborazione della art book fair I never read) Radiceterna propone una piccola ma
raffinata biblioteca dedicata ai rapporti tra l’arte e l’ambiente, con annessa mostra di Allora e Calzadilla,
alla quale seguiranno nei prossimi mesi Kathinka Bock, Bjorn Braun e Ignazio Mortellaro.
Infine, grazie alla galleria Continua si può scoprire un angolo segreto della città: la chiesa neoclassica di
Santa Venera, costruita sulle antiche mura cittadine, che ospita Mantel 1 e Mantel 2, le opere di Berlinde de
Bruyckere. Ispirate agli antichi retabli catalani e dedicate ai teleri di Francisco de Zurbarán, le sculture di
Berlinde sono meno provocatorie dei suoi lavori più iconici, ma possiedono quella grazia tutta mediterranea
che sembra avvolgere Palermo durante Manifesta. Una città aperta, che per un attimo si lascia alle spalle i
suoi immensi problemi sociali e politici per vivere e condividere il sogno dell’arte grazie a una kermesse da
non perdere.

‒ Ludovico Pratesi




   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Il nuovo allestimento del Museo Archeologico Salinas a Palermo e la mostra di Antufiev. Le immagini

By Marilena Di Tursi - 19 giugno 2018

Promossa dalla collezione Maramotti di Reggio Emilia, la personale di Evgeny Antufiev al Museo
Archeologico Regionale Antonino Salinas di Palermo, tra gli eventi collaterali di Manifesta 12, si inserisce
con ironia e eleganza nell’itinerario espositivo completamente rinnovato.




Il Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas di Palermo e la Collezione Maramotti di Reggio Emilia,
presentano, nell’ambito di Manifesta 12, la personale Quando l’arte diventa parte del paesaggio. Capitolo I
dell’artista russo Evgeny Antufiev (Kyzyl, 1986). Una collaborazione che intende, come sostiene la
direttrice del museo Francesca Spatafora, mediante “lo sguardo degli artisti contemporanei, aiutare a

  Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                         Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
ridefinire il rapporto con le opere d’arte antica attraverso una sensibilità nuova”. La mostra, curata da
Giusi Diana e frutto di un grande lavoro di Marina Dacci, alla guida della fondazione di Reggio Emilia,
inserita tra gli eventi di Manifesta 12, trova spazio all’interno del rinnovato percorso espositivo che ruota
intorno ai due chiostri. Suggestive ambientazioni per una collezione che contempla, tra gli altri, il
monumentale frontone del Tempio C di Selinunte, il complesso scultoreo delle gronde leonine del tempio di
Himera, le oreficerie della necropoli di Tindari e prestigiosi reperti in grado di restituire la cultura figurativa
e i culti funerari di una vasta area del Mediterraneo.

LA MOSTRA
Tra questi simulacri di un lontanissimo passato, Evgeny Antufiev, proposto in Italia per la prima volta nel
2013, sempre dalla Collezione Maramotti e presentato anche in occasione della precedente edizione di
Manifesta nel 2016 a Zurigo, dipana manufatti di ieratica compostezza, costringendo lo spettatore a
progressive e imprevedibili scoperte, come un archeologo nell’esercizio della sua attività di scavo. Sculture
ispirate a un personalissimo registro iconografico, con sentori formali ironicamente assimilabili alle sintassi
classiche, incise con retrogusto espressionista.

IL RESTAURO
Antufiev dissemina le sue sculture dal chiostro Maggiore, proseguendo nel portico, nell’intero piano terra,
per terminare infine nell’Agorà, inaugurata di recente (a maggio 2018). Il percorso espositivo mostra la
nuova porzione del museo in tutta la sua bellezza: a partire dalla grande corte coperta da una volta
trasparente e riportata alla luce dopo che era rimasta chiusa fin dalla fine dell’800. Il restauro è stato
condotto eliminando le aggiunte tardo ottocentesche e riportando alla luce i fasti dell’ex Casa Conventuale
dei padri della Congregazione dell’Oratorio San Filippo Neri, eretta nel 1958 su progetto di Antonio
Muttone. Il Museo Salinas è stato riaperto nel 2016, dopo cinque anni di chiusura. I lavori di restauro,
condotti dal progettista Stefano Biondo, che oggi vedono aggiungersi questo importante nuovo tassello, che
conserva il selciato preesistente e la forma dello spazio precedente, sono stati elaborati nel 2001 con
l’obiettivo di terminare del 2017. Finanziati con 9 milioni di fondi europei, come già raccontato da
Artribune, hanno visto nel 2016 la riapertura e la fruibilità del piano terra.

L’ALLESTIMENTO
Sculture, ceramiche o bronzi appartengono a un antiquarium privato con il quale l’artista percorre una
circolarità espressiva. Un perenne ritorno di forme che, nate nel solco dell’arte classica, regrediscono ad un
più antico arcaismo, innervato però da un’inquietudine contemporanea. Sincretico anche nell’uso dei
materiali, porta avanti una ricerca sulla falsificazione archeologica (Damien Hirst docet) con suggerimenti
folgoranti, per esempio l’emoticon inserito in una maschera di bronzo. Come dire che tutto deve essere già
successo e dunque ci tocca ripeterlo in eterno.

-Marilena Di Tursi




   Z2O Sara Zanin Gallery | via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | info@z2ogalleria.it
                          Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento)
Talks

Intervista con Evgeny Antufiev | When Art became part of the Landscape.
Chapter I

Fino a novembre, il Museo Archeologico Salinas - la più importante istituzione
museale pubblica dedicata all’arte greca e punica in Sicilia - ospita la mostra
dell'artista russo.

giugno 16, 2018

Elena Bordignon
—

English text below —

Tra la miriade di mostre che in questi giorni aprono a Palermo in occasione di
Manifesta 12, una in particolare attira la nostra attenzione. Più mondi e sensibilità si
incontrano negli spazi del Museo Archeologico Salinas, che ospita dal 16 giugno al 4
novembre la mostra di Evgeny Antufiev, When Art became part of the Landscape.
Chapter I.
Questo l’incipit scritto dall’artista:

A volte non possiamo separare l’arte dal paesaggio.
Come le statue romane divennero parte del paesaggio
e i vasi etruschi dei sotterranei;
le colonne di marmo crescono come alberi,
i tumuli diventano colline,
I cubi dei templi russi spuntano come colonie di funghi,
le statue scite di pietra custodiscono le steppe.
La vista percepisce l’arte antica come parte del paesaggio
come laghi, fiumi, montagne e valli.
L’arte antica è organicamente costruita nell’universo
e ne diviene parte.

La mostra – a cura di Giusi Diana e organizzata in collaborazione con la Collezione
Maramotti di Reggio Emilia – rappresenta un ideale collegamento con l’ultima
edizione di Manifesta 11 tenutasi a Zurigo nel 2016 in cui Antufiev, invitato dal
curatore Christian Jankowski, ha presentato una complessa installazione Eternal
Garden nella Wasserkirche presso l’Helmhaus e opere al primo piano del
Löwenbräukunst.

L’intervento dell’artista nelle sale e in alcuni luoghi esterni del Museo, si è sviluppato
seguendo un’affascinante sfida: la rivisitazione del concetto stesso di collezione
archeologica, che diviene premessa ed estensione del lavoro di un artista dei nostri
tempi. Secondo questa visione il museo archeologico diventa a tutti gli effetti un museo
d’arte contemporanea, perché – per dirla con le parole di Antufiev – ”Noi siamo
contemporanei di tutta l’arte che ha visto la luce e si è conservata”. Per questa
occasione Antufiev ha prodotto trenta opere: dalle sculture in legno intagliato, alle
fusioni, alle terracotte, tutte formalmente connesse a iconografie simboliche,
rinvenibili    nei     riti    religiosi    e     pagani     delle     culture     arcaiche.
Nell’intervista che segue l’artista ci racconta quali sono stati le sue fonti d’ispirazione,
quali scoperte ha fatto tra le opere e i manufatti antichi conservati nel Museo; cosa lo
affascina dell’iconografia funeraria, immaginario che l’artista esplora e vivifica con la
sua particolare sensibilità; cosa lo ha spinto ad approfondire la lavorazione della
ceramica, materiale che l’artista ha “scoperto” durante una residenza al Museo Zauli.
Emerge, dalle sue risposte, una forte volontà di oltrepassare la nozione di tempo,
superare la finitezza non solo della materiale ma della stessa esistenza dell’arte.

ATP: Il Museo Archeologico Salinas è uno dei luoghi più antichi della città. Quali
sono state le tue prime impressioni attraversando gli ambienti del museo? Quanto
ti ha influenzato questo luogo nella produzione delle opere?

Evgeny Antufiev: Il Salinas è anche il più antico museo archeologico della Sicilia. E
già la combinazione di parole «il più antico” condiziona molto. Fare una mostra nel
«museo più antico» è praticamente come sorgere su un’ «altissima montagna». La
strada è piena di pericoli. La mia prima reazione, dopo la prima visita al museo, è stata
una sorta di “disperazione”. Come forse per un rivale? Anche tutta l’arte conservata
nel museo è idealmente, temprata nel tempo come una lama nel fuoco. Prima della mia
visita ho studiato molte foto delle opere della collezione. E, in ogni caso, in ogni mostra
tutta l’arte si combatte. Ho compreso rapidamente ciò che mi avrebbe impedito di farmi
vedere quindi ho cercato di diventarne alleato ma, fino all’ultimo momento, ero
ansioso. Durante l’allestimento uno dei lavoratori ha chiesto: «quante migliaia di anni
ha questo oggetto?». Qui ho realizzato che tutto funzionava nella mostra.
Evgeny Antufiev – Installation view wood 2015 untitled – Museo Archeologico
Salinas 2018 – Photo Evgeny Antufiev

ATP: Il tuo intervento consiste nel ‘rivisitare la collezione archeologica’. In
concreto, come sei intervenuto nella collezione? Quali scoperte hai fatto?

EA: Come ti ho ho detto, preferisco non combattere, ma unire. Pertanto, ho cercato di
armonizzare al massimo la fioritura, le forme e le texture dei lavori col museo. 24 lavori
da 32 sono realizzati appositamente per questa mostra. Tutte le ceramiche sono state
realizzate a Faenza in residenza durante l’estate del 2017 al museo Carlo Zauli. La mia
insegnante ceramista – Aida Bertozzi – è stata assistente di Carlo Zauli .
Non ho certo copiato lo stile di certe epoche, ho piuttosto provato a cogliere il
necessario ritmo visivo. Allo stesso modo è accaduto per l’installazione delle opere al
museo. Per me è stato importante non permutare spazi, ma trovare un “posto libero”
adatto.

ATP: C’è un oggetto in particolare che hai scoperto nel Museo Archeologico che
ti ha ispirato in modo particolare? Cosa ti ha affascinato di questo oggetto?

EA: Certamente non è una risposta originale. Nulla non può competere con gli oggetti
di Selinunte. Grande città e grandi cose. Si può spendere un’intera giornata guardando
i fregi conservati nel museo. Più di tutto mi interessa la raccolta di figure antropomorfe;
soprattutto il modo in cui il tempo cambia la loro forma. Mi ha molto ispirato la
struttura del museo, il giardino, la fontana con tartarughe viventi: tutto nel museo è
costruito sulle regole dell’antico palazzo. E certamente la luce stessa che penetra
ovunque; questo è uno dei migliori musei archeologici fra quelli che ho visto rispetto
all’ esposizione degli artefatti.
Evgeny Antufiev – Untitled, bronze 2018 – Museo Archeologico Salinas 2018 –
Photo Evgeny Antufiev

ATP: Tra le trenta opere in mostra, molte hanno una stretta relazione con
l’iconografia funeraria. Perché hai deciso di approfondire questa tematica?

EA: Le persone spesso chiedono perché mi piace la morte. Ma io non amo la morte.
Sono piuttosto appassionato di “nazioni morte”. No, non voglio sparire. Sciiti, etruschi,
egizi, persiani, babilonesi, aztechi. Loro non sono rimasti ma i loro innumerevoli
oggetti sì. Questo processo è inarrestabile, le foglie cadono con gli alberi, le nazioni
scompaiono. Questo è triste, ma è così.
E’ molto interessante scoprire cosa resterà alla fine. Le tombe artistiche e mausolei
sono i più forti. In questa arte c’è un dolore speciale e malinconia, una speciale
nostalgia. Questo fa sì che le nazioni morte nell’arte siano particolarmente acute, come
una canzone triste. I mausolei, cose incredibili. Progetterei volentieri mausolei, tombe
e musei. I musei, questa stessa” tomba” per eternità.

ATP: Nelle tue ricerche, hai approfondito la lavorazione della ceramica. Cosa ti
attrae di questa antica tecnica?

EA: La cosa meravigliosa della ceramica è che questa tecnica per migliaia di anni non
è praticamente cambiata.
Certamente sono stai creati nuovi additivi, pigmenti, fornaci. Ma i principio basilari
(argilla e cottura) sono rimasti gli stessi. Forse il cambiamento principale ha toccato
solo la verniciatura. Io praticamente non uso smalti, quindi posso dire che il mio modo
è quello dell’antichità. La cosa più importante che ho scoperto nella ceramica è che è
impossibile subordinarla completamente nel suo prendere forma. Il vaso cresce e
fiorisce come i fiori. Forse la maggior parte la mia ceramica appare ingenua, penso che
ai ceramisti professionisti non piaccia: argilla a strati spessi, patine naturali invece
dell’uso e delle finiture con lo smalto.

ATP: Nella lavorazione sia della ceramica che del legno, molte opere assumono
una ‘patina’ antica, come se volessero avvicinarsi formalmente all’arte del
passato. Perché questa decisione?

EA: Tutti sanno che il tempo è il miglior artista. Ho sempre cercato questa simulazione
che è la cosa più complessa. Ma la patina è figlia del tempo. Attraverso test ed errori
ho scoperto la sua composizione che non avrei rivelato. Spero che col tempo il mio
vaso vivrà la sua vita e cambierà colore, diventando sempre più vecchio. Sarebbe
interessante notare come diventeranno le ceramiche con lo scorrere del tempo e in un
museo archeologico del futuro leggere l’etichetta: «artista sconosciuto, circa 20-22
secoli prima della prima guerra spaziale, forse questo vaso aveva un valore rituale».




Evgeny Antufiev – Installation view in agora , ceramic, 2017 – Museo Archeologico
Salinas 2018 – Photo Evgeny Antufiev
Evgeny Antufiev – Untitled, ceramic, 2017 – Museo Archeologico Salinas 2018 –
Photo Evgeny Antufiev

Evgeny Antufiev
When Art became part of the Landscape. Chapter I
16 June – 4 November 2018
Museo Archeologico Salinas

At times we cannot separate art from landscape.
As Roman statues became part of the landscape
and Etruscan vases part of the subterranean world;
marble columns grow like trees,
Mounds become hills.
The domes of Russian temples look like mushroom colonies,
Scythian stone statues protected the steppes.
Sight perceives ancient art as part of the landscape
like lakes, rivers, mountains and valleys.
Ancient art is organically built in the universe and becomes part of it. (EA)

The regional Archaeological Museum Antonino Salinas in Palermo, in collaboration
with the Collezione Maramotti in Reggio Emilia, presents a solo exhibition of the
Russian artist Evgeny Antufiev: Evgeny Antufiev. When Art became part of the
Landscape. Chapter I
The exhibition, curated by Giusi Diana, marks the collaboration between one of the
most prestigious archaeological museums in the Mediterranean area and an important
Italian private cultural institution devoted to contemporary art which was the first to
bring the artist in Italy with a large exhibition in 2013 and continues to support his
research.
The exhibition has been included in the Collateral Events of Manifesta 12 and
represents an ideal link with the last edition of Manifesta 11, held in Zurich in 2016,
where Antufiev, invited by curator Christian Jankowski, showed the complex
installation, Eternal Garden, in Wasserkirche near Helmhaus and other works in the
first floor of Löwenbräukunst.

The Archaeological Museum Salinas, the oldest in Sicily, is the most important public
museum institution devoted to Greek and Punic art in Sicily. As stated by Francesca
Spatafora, the Museum director: “The purported detachment between the art from the
past and the art of the present is only a misperception. As archaeological museum we
guide visitors towards the erasing of this bias through the works of contemporary artists
helping us to redefine the relationship with the artworks from antiquity through a novel
awareness.”
This statement is in line with Antufiev’s words: “Only our obstinate will to discover
something new, to feel different from what has preceded us, makes us believe that there
are an ancient art and a contemporary art. Perhaps there are dead artists and living
artists […] but art is exactly what goes beyond the artist, his mere existence. Art is, in
essence, only the work.”
Evgeny Antufiev – Installation view ceramic 2017 – Museo Archeologico Salinas
2018 – Photo Evgeny Antufiev

Evgeny Antufiev’s works alongside the exhibition itinerary of the archaeological
museum, intends to bring this approach to a fascinating and stimulating assessment. In
this way the exhibition offers us a special revisitation of the very concept of
archaeological collection becoming the premise and the extension of a contemporary
artist. According to this vision, the archaeological museum becomes a real museum of
contemporary art, because – in Antufiev’s words – “We are contemporary of all the art
that has seen the light and has been preserved.”
The display itinerary of the exhibition will develop alongside the Chiostro Maggiore –
the Big Cloister – under the loggia and inside the garden, to expand to the entire ground
floor and to the recently inaugurated Agorà; in a sort of dialogue and counterpoint with
the museum artifacts and finds, including the group of the lion-shaped eaves of the
Victory Temple of Himera and the large mask of the Gorgon.

Thirty works are on display: from carved wood sculptures, castings, terracottas, all
formally linked to symbolic images, found in religious and pagan rituals pertaining to
archaic cultures. Special relevance is given to funerary iconography which Antufiev
explores and reanimates with his personal gaze, by unfolding an “evoked immortality”,
a core element in all his artistic research.
In the last few years Antufiev has explored Magna Grecia and Etruscan cultures in
Tuscany, Lazio and Sicily, by starting an interesting manufacturing of ceramic works
in Italy – during a residence at the Zauli Museum – experimenting with different earths
and firings, creating special patinas made only with organic materials. These artifacts
will also be present in the exhibition.

The ceramics – like the objects in carved wood – play with special textures: oxidized
and/or aged surfaces, evoking old discoveries which seem to us a “gift” found amidst
the landscape, thus becoming part of Nature itself. The formal outcome is absolutely
unique, intriguing and maze-like: his works take on hybrid identities, capable of
generating resonances between diverse worlds and cultures, but inevitably filtered by
the visual culture of his country of origin (Siberia) and Russia’s handcraft tradition in
his work with materials.




Evgeny Antufiev – Untitled, ceramic 2017 – Museo Archeologico Salinas 2018 –
Photo Evgeny Antufiev
You can also read
Next part ... Cancel